Massaggio linfodrenante: rischi e benefici

Massaggio




Esistono tanti tipi di massaggi ma in particolare, uno dei più richiesti, è quello linfodrenante che agisce sulla circolazione linfatica per facilitarla ed eliminare eventuali ristagni di liquidi. Lo richiedono soprattutto le donne che, grazie a questi massaggi, vogliono eliminare gli inestetismi come la cellulite. Ne esistono di diverse tipologie e le differenze stanno proprio nelle tecniche di manipolazione. Ricordiamo che prima di andare a fare un massaggio è bene controllare e chiedere se sono rispettate le norme anticovid massaggio nel centro.

Le tipologie di massaggio

C’è quello manuale, impiegato soprattutto in ambito medico-terapeutico che serve per eliminare i ristagni di linfa ed è effettuato (o meglio dovrebbe essere effettuato) solo da fisioterapisti che conoscono le tecniche per praticarlo. Il massaggio Phenekam è un’altra tipologia di massaggio linfodrenante che serve per eliminare la ritenzione idrica, gonfiori e tossine dall’organismo.

C’è anche il massaggio Ayurvedico di cui fa parte quello Shiatsu che viene effettuato per prevenire e trattare disturbi come quelli sempre legati alla circolazione linfatica (questo tipo è riconosciuto dal Ministero della Sanità giapponese). I benefici di ogni massaggio linfodrenante sono:




  • riduzione della cellulite;
  • attenuamento della problematica dei piedi gonfi;
  • riduzione del gonfiore;
  • ausilio contro l’acne.

I benefici notevoli

Dunque, i benefici sono notevoli però anche i rischi sono dietro l’angolo: è infatti fondamentale rivolgersi a massaggiatori professionisti in strutture autorizzate. Infatti, se ci si affida a persone non esperte, i risultati attesi potrebbero essere del tutto inesistenti. Inoltre, un massaggiatore esperto saprà se il determinato cliente può sottoporsi a tale pratica o se, in presenza di patologie o situazioni, ci possano essere delle controindicazioni.

Ad esempio, il massaggio linfodrenante non può essere effettuato quando si soffre di ipotensione o ipertensione, patologie cardiache, tumori, infezioni, asma, malattie o disturbi nell’area da trattare. Quindi, è sempre meglio affidarsi ad un esperto che abbia la piena conoscenza del massaggio linfodrenante, delle tecniche per praticarlo, delle eventuali controindicazioni e di quante sedute saranno necessarie per risolvere una problematica o un inestetismo.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.