Valeriana, che tipo di farmaco è

Valeriana




Per poter calmare stati di agitazione oppure come sedativo per i disturbi del sonno, l’ideale è utilizzare la Valeriana, una pianta officinale il cui rizoma e le cui radici essiccati, vengono utilizzati per trattare diversi disturbi di origine nervosa.

Per cosa si utilizza la Valeriana

Si usa perché al suo interno contiene particolari acidi che sono in grado di inibire l’attività del GABA (l’acido gamma-aminobutirrico), mediatore chimico responsabile dell’eccitabilità neuronale.

La Valeriana è disponibile in svariate forme: compresse, caramelle, tisana, tintura madre (un preparato erboristico ottenuto mediante macerazione della Valeriana in acqua e alcol, detto anche “estratto idroalcolico”) e si può acquistare in farmacia, parafarmacia o erboristeria.




Per quanto riguarda gli integratori, ne sono consigliate due somministrazioni al giorno per un totale di 300-500 mg di estratto, per almeno un mese.

  • Se si vuole agire sul sonno, una delle due dosi giornaliere deve essere assunta circa 30 minuti prima di coricarsi.
  • Se è usata per controllare l’ansia può essere somministrata al mattino e nel tardo pomeriggio.

In genere le compresse contengono una dose variabile tra 45 e 300 mg di estratto secco; per conoscere la quantità di estratto secco in peso basta controllare le informazioni riportate sulla confezione, che possono includere anche consigli per l’assunzione.

Le dosi

Per chi usa il flacone di tintura madre è in genere consigliata l’assunzione di 40 gocce, mentre la Valeriana in gocce viene suggerita in dosi variabili a seconda del problema che si vuole risolvere, e possono essere diluite in acqua.

Alcuni effetti collaterali noti sono dovuti ad un uso eccessivo e continuativo e si tratta di emicrania, insonnia, eccitabilità, bradicardia (diminuzione della frequenza cardiaca), aumento della pressione.

Non è consigliato utilizzare la Valeriana durante la gravidanza e l’allattamento e nei bambini al di sotto dei sei anni.

Inoltre non deve essere assunto in contemporanea ad altri farmaci come i barbiturici, poiché il rischio è quello di dar vita a uno stato di sedazione eccessiva.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.