Shock anafilattico, quando accade    

Shock




Lo shock anafilattico è una reazione allergica molto grave che può diventare pericolosa per la vita in quanto inizia all’improvviso e peggiora molto rapidamente quindi è importante un tempestivo intervento. Per chi soffre di allergia è bene avere a casa un antistaminico da prendere nel caso di attacco.

Cause scatenanti dello shock anafilattico possono essere:

  • Cibi (uova, latte, pesci e crostacei, noci e semi, legumi e cereali, agrumi, cioccolato, fragole, pomodori, avocado, banane)
  • Additivi alimentari (coloranti alimentari, conservanti)
  • Sostanze diagnostiche come mezzo di contrasto iodati
  • Agenti biologici (sangue ed emoderivati, y-globuline, vaccini e antitossine)
  • Cause ambientali (pollini, muffe, spore, pelo di animali, lattice)
  • Farmaci (antibiotici, acido acetilsalicilico, narcotici)
  • Veleno animale (punture di api, vespe, serpenti, meduse)

In caso di shock anafilattico, il sistema immunitario rilascia delle sostanze chimiche che portano ad un abbassamento della pressione sanguigna e man mano restringono le vie respiratorie, rendendo difficile o impossibile respirare.

Si manifestano, insieme allo shock anafilattico, anche:

  • battito cardiaco rapido e debole
  • orticaria
  • nausea, vomito e diarrea
  • stordimento, vertigini, collasso o perdita di coscienza
  • abbassamento della pressione sanguigna
  • difficoltà respiratorie (dispnea), con respirazione veloce e superficiale
  • costrizione delle vie respiratorie e gonfiore (edema) di lingua o gola, che può causare sibili e problemi di respirazione
  • sudorazione
  • confusione e ansia

È molto importante un intervento tempestivo perché lo shock anafilattico può essere fatale, dunque o un’iniezione di adrenalina o un intervento di pronto soccorso.




Quindi, chiamare l’ambulanza o recarsi presso un Pronto Soccorso.

Nell’attesa dei soccorsi, distendere la persona con la pancia in alto (supina), a meno che non sia in stato di incoscienza, in stato di gravidanza o con difficoltà respiratorie.

Rimuovere, se possibile, con attenzione qualsiasi causa scatenante, ad esempio il pungiglione di un’ape.

Fare in modo che la persona si calmi e, se disponibile, usare un auto-iniettore di adrenalina.

Somministrare un’altra iniezione di adrenalina dopo 5-15 minuti, se i soccorsi non saranno ancora arrivati.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.