Pulpite, come si cura   

Pulpite




La pulpite è un processo infiammatorio della polpa dentaria, ovvero la parte più interna del dente, ricca di terminazioni nervose, arteriose, venule e odontoblasti. La pulpite porta al mal di denti che di solito si manifesta come conseguenza di una carie dentaria o di altre cause come:

  • traumi ai denti (parodontite o piorrea, interventi dentari invasivi, bruxismo, malocclusioni dentarie)
  • masticazione scorretta
  • scarsa igiene orale.

Si capisce che c’è pulpite proprio perché c’è il dolore di intensità variabile, che con il tempo può aumentare, che si accentua con il caldo o il freddo oppure quando si mangiano cibi dolci o zuccherati e quando si mastica.

La cura della pulpite è semplice ma quando non si tratta di infiammazione, la cosa può complicarsi, andando incontro ad un processo degenerativo-necrotico del dente che poi dovrà essere devitalizzato o estratto, oppure si dovrà rimuovere parzialmente la polpa. Consigliamo ovviamente una visita dal dentista per un controllo approfondito.

In ogni caso sarà necessaria una cura che di solito prevede:

  • farmaci analgesici che alleviano il dolore
  • rimozione della causa della pulpite (con il consulto del medico).

Quindi sicuramente il dolore può essere gestito con la somministrazione di antidolorifici per dare sollievo dal dolore: in particolare il paracetamolo e i FANS (Farmaci Antinfiammatori Non Steroidei) come ibuprofene, aspirina, paracetamolo (Tachipirina), naproxene (Synflex), sono sufficienti quando il dolore è lieve o moderato, mentre si dovrà passare a codeina ed altri oppiacei per un dolore più forte.




Oltre a questa cura, ovviamente il dentista procederà a rimuovere la causa della pulpite (ad esempio se è causata da carie, eliminando questa).

Se invece c’è un’infiammazione più grave o necrosi pulpare, il dentista procederà ad asportare parzialmente o totalmente la polpa del dente (devitalizzazione o eventuale asportazione del dente); in questa circostanza, quando c’è non c’è più lo stimolo (consumo di cibi dolci o freddi, ad esempio), può permanere il mal di testa come sintomo.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.