Gonfiore addominale, da cosa dipende

Gonfiore




Il gonfiore addominale consiste nell’accumulo di gas nello stomaco o nell’intestino e può essere associato a un dolore anche intenso.

A causarlo possono essere alcuni cibi, bevande gassate, la cattiva abitudine di mangiare troppo in fretta o coricarsi subito aver pranzato o cenato, le gomme da masticare, il fumo, lo stress o l’ansia.

Può però nascondere anche patologie

Può però nascondere anche patologie o malattie più gravi come appendicite, calcoli alla cistifellea, cirrosi epatica, colecistite, fibrosi cistica, gastroenterite,  occlusione intestinale, sindrome dell’intestino irritabile, tifo, tumore del colon retto o dell’ovaio, ulcera duodenale, ulcera gastrica.




Oppure derivare da problematiche come celiachia o intolleranza al lattosio.

Ovviamente episodi isolati di gonfiore addominale tendono a risolversi da soli e non dovrebbero allarmare; se si ripetono più spesso, soprattutto dopo i pasti, può essere utile ridurre l’assunzione di alimenti e bevande che favoriscono l’accumulo di gas nell’apparato digerente, come ad esempio fagioli, broccoli, cavolini di Bruxelles, cavolo e cavolfiore, mele, pere e pesche, lattuga, cipolla, cereali integrali e bibite gassate.

Sono da evitare anche piccoli spuntini troppo grassi e speziati

Sono da evitare anche piccoli spuntini troppo grassi e speziati; in alcuni casi potrebbe essere utile limitare (o addirittura evitare completamente) anche il consumo di latte e dei suoi derivati, che possono portare ad un accumulo eccessivo di aria nella pancia.

Altri consigli sono quelli di passeggiare, anche solo un quarto d’ora, consumare alimenti come mela, ananas, uva, aloe vera che favoriscono la digestione e hanno azione detossinante, attivano il transito intestinale e riequilibrano la flora intestinale.

Se invece il gonfiore addominale persiste anche quando si è limitato il consumo (o eliminato del tutto) di questi cibi che provocano gonfiore, e se ci sono altri sintomi come diarrea, dolori addominali forti o persistenti, sangue nelle feci, cambiamento del colore delle feci, modificazione della frequenza delle evacuazioni, perdita di peso ingiustificata e dolore al petto, allora sarà opportuno consultare il medico.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.