Allucevalgo, come si cura? 

Allucevalgo




L’allucevalgo è una patologia del piede molto comune che consiste in una sua deformità dovuta all’allontanamento della testa del primo metatarso dalle altre e ciò comporta la deviazione della punta dell’alluce verso le altre dita.

Ne soffrono più spesso le donne degli uomini

Ne soffrono più spesso le donne degli uomini e probabilmente questo è spiegato dal fatto che sono proprio le donne ad indossare calzature più scomode che possono nel tempo portare all’insorgenza dell’allucevalgo.

Questa patologia infatti può essere dovuta o a cause come predisposizione genetica o malformazioni congenite oppure proprio ad abitudini errate che portano il piede a “soffrire” come appunto l’indossare calzature inadatte (pianta stretta, punta stretta, tacco alto) oppure per lesioni a carico del piede o problemi di peso, di postura o tono muscolare, o alcuni tipi di artrite.

I sintomi sono diversi in base alla gravità della situazione, sicuramente si potrebbe ravvisare un rigonfiamento alla base dell’alluce oppure gonfiore o arrossamento attorno allo stesso.




Ancora, ispessimento della pelle alla base dell’alluce ed infine dolore persistente o intermittente e capacità limitata nei movimenti dell’alluce.

Per curare l’allucevalgo ci si può sottoporre a trattamenti “conservativi” di tipo non chirurgico oppure trattamenti chirurgici se i primi non sono stati efficaci.

Nel primo caso si tratta per lo più di cambiare alcune abitudini che potrebbero peggiorare la situazione o farla leggermente rientrare come:

  • indossare scarpe ampie e comode che offrano molto spazio per le dita dei piedi
  • applicare un bendaggio che mantenga il piede in posizione normale, riducendo lo stress sull’alluce e alleviando il dolore
  • applicare del ghiaccio sulla zona dolorante
  • usare antidolorifici o fare iniezioni di cortisone
  • utilizzare cuscinetti separa dita e plantari correttivi per distribuire uniformemente il peso del corpo e la pressione quando si muovono i piedi

Dal punto di vista chirurgico, invece, c’è l’approccio chirurgico classico ovvero l’apertura della cute e dei tessuti con la correzione della deformità asportando parte di osso e inserendo supporti volti a riportare l’alluce nella corretta posizione; oppure l’approccio chirurgico percutaneo che permette di operare direttamente sull’osso attraverso forellini effettuati nella cute.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.