Uso dei vecchi rimedi: l’alcol e i suoi utilizzi

Uso




Tra i vecchi rimedi  più diffusi possiamo ritrovare i molteplici utilizzo dell’alcool. Certo, alcuni utilizzi di questa sostanza vi sembreranno estremi e infatti sono stati molto criticati sia dalla comunità medica che ovviamente da molte persone. Quindi questo articolo ha come scopo quello informativo su come siano cambiate le usanze e le metodologie che si adottavano nel passato e su come la scienza abbia sradicato dei malcostumi che potevano causare anche danni importanti alla salute.

L’alcol è così utile come sembra?

Nel passato, l’alcol era uno degli elementi fondamentali per ottenere un effetto analgesico. Un bicchierino di alcol veniva dato persino ai bambini, quando soffrivano di mal di denti. Ovviamente lo scopo non era quello attenuare dolori e fastidi. Semplicemente, l’alcol riusciva ad “addormentare” la zona in cui si concentrava il dolore.

Ma non è l’unico aspetto in cui si ricorreva all’alcol. Il “rimedio della nonna” che vi diremo è al limite dell’esoterismo ed è stato fortemente disapprovato. Cosa facevano le nostre nonne in caso di dolori mestruali o di raffreddore?




Pare che imbevessero un batuffolo di cotone nell’alcol e dove lo mettevano? Nell’ombelico.

È efficace? Sembrerebbe di sì. È estremo? Be’, un tantino, ma era un modo economico per fare passare i dolori.

Un rimedio naturale: quando utilizzare l’alcool?

C’è da premettere che per quanti rimedi naturali esistano, noi non vi consigliamo di ricorrervi e nel caso di patologie, dolori e cose simili consultare il vostro medico. Esagerare con l’utilizzo di una sostanza è sempre sbagliato ma questo vale anche per i comuni medicinali.

In molti, per esempio, hanno sviluppato una sorta di resistenza ai medicinali da banco, come la semplice aspirina. Questo accade quando ne prendiamo troppe, anche per un semplice cerchio alla testa.

Nel passato, veniva messo un goccio di grappa sulla gengiva gonfia, accanto al dente dolorante. Questo rimedio è tutt’oggi utilizzato. La curiosità? Lo facevano anche con i bambini. Forse oggi in molti potrebbero scandalizzarsi, ma era uno dei modi migliori per lenire il  dolore. C’è da analizzare anche l’epoca in cui vivevano i nostri nonni: purtroppo in alcuni casi non esistevano ancora dei farmaci adeguati oppure per molti le cure mediche erano fuori portata ma anche c’è chi non si fidava ad assumere sostanze che non conosceva (i negazionisti sono sempre esistiti) e quindi utilizzavano metodi che venivano tramandati di generazione in generazione.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.