Occhi arrossati, da cosa dipende?

Occhi




Gli occhi arrossati hanno diverse cause: alcune sono legate a delle patologie dell’occhio, altre invece dipendono da condizioni ambientali. Spesso sono causati anche dalle troppe ore davanti agli schermi del pc specialmente in questo periodo di smart working.

Spesso gli occhi arrossati dipendono anche da altri fattori.

Possono insorgere, ad esempio, dopo:

  • aver pianto molto
  • aver consumato molte bevande alcoliche (dato che queste hanno un effetto vasodilatatore) o assunto sostanze stupefacenti
  • essersi esposti ad un forte vento oppure per molto tempo alla luce solare

L’arrossamento degli occhi può essere dovuto anche alla presenza di un corpo estraneo nell’occhio oppure al contatto con sostanze irritanti (ad esempio quando finisce del sapone o dello shampoo in un occhio).

Anche chi usa spesso le lenti a contatto, può incorrere nel problema degli occhi arrossati che, comunque, possono essere conseguenza anche di un forte raffreddore, di influenza o della tosse molto forte.




Spesso ci si risveglia con gli occhi arrossati anche dopo una notte insonne.

Insomma, sono diversi i fattori che possono portare all’arrossamento degli occhi e ci sono anche cause patologiche che lo determinano come:

  • congiuntivite, un’infiammazione della membrana mucosa che ricopre la periferia della parte bianca dell’occhio
  • episclerite, anch’essa un’infiammazione della sclera (la parte bianca dell’occhio)
  • herpes zoster, un’altra infezione causata dal virus varicella-zoster
  • uveite, un’infiammazione della membrana situata tra la cornea e la sclera
  • ipertensione arteriosa
  • sindrome dell’occhio secco (quando si producono poche lacrime)
  • blefarite, infiammazione del bordo ciliare della palpebra
  • cheratite, infiammazione della cornea

Tra le patologie più gravi, fra i cui sintomi ci sono pure gli occhi arrossati, ci sono:

  • ebola e altre febbri emorragiche
  • tumori oculari
  • glaucoma
  • tracoma, un tipo di congiuntivite cronica che viene generata dal batterio Chlamydia Tracomatis

In ogni caso, per avere una diagnosi accurata, il consiglio è quello di rivolgersi ad un medico che, anche sulla base di altri eventuali sintomi correlati (come nausea, cefalea, prurito, lacrimazione e così via), saprà dare la cura più opportuna.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.