Cellule staminali cordonali: utilizzo terapeutico nei trapianti

cellule staminali




Le cellule staminali cordonali sono state considerate, sin dalla loro scoperta negli anni Ottanta, come la fonte di staminali che trova più applicazioni nel campo della medicina rigenerativa. Queste cellule possiedono un potenziale terapeutico molto grande, e ciò rende possibile il loro impiego nel trattamento di varie malattie. Per tale ragione è importantissimo che le famiglie in attesa di un bimbo siano informate correttamente al fine di poter decidere consapevolmente se donare o conservare le staminali cordonali del nascituro. Le cellule staminali possono essere distinte in base alla zona in cui si originano:

  • staminali del cordone ombelicale;
  • staminali embrionali;
  • staminali adulte.

Il sangue del cordone ombelicale è una fonte molto produttiva di cellule staminali. Se diversificate in cellule adulte, le staminali cordonali possono essere impiegate clinicamente per trattare varie patologie di tipo genetico, immunitario, e anche tumori del sangue. Per questo motivo la procedura di raccolta del campione di sangue cordonale deve essere eseguita da personale qualificato con tutte le precauzioni possibili, per evitare che si possano verificare delle contaminazioni.

Una volta che il prelievo del campione è concluso, si procede con l’invio del materiale a una banca del cordone. Presso questa struttura avverrà la crioconservazione: si selezionerà la frazione nucleata delle staminali e si aggiungerà al totale delle cellule dotate di nucleo una sostanza che ne impedirà lo shock osmotico. La scienza ha dimostrato che la conservazione delle cellule staminali cordonali, mediante tecnica di crioconservazione, può protrarsi per oltre 24 anni, senza alterare le loro capacità di proliferazione e di differenziazione1.

Per quanto riguarda l’utilizzo in campo terapeutico, le staminali del cordone ombelicale sono impiegate nei trapianti ematopoietici in presenza di neoplasie maligne. In quest’ambito, a causa della loro immaturità immunologica, le staminali cordonali hanno ottenuto più successo rispetto alle staminali midollari, poiché hanno mostrato una migliore resa contro i rigetti.




I trapianti possono avvenire anche tra donatori aploidentici con istocompatibilità al 50%, in parole più semplici quando il donatore ha caratteristiche tissutali che per metà corrispondono a quelle del ricevente (da qui “aplo”). Affinché si abbia una compatibilità totale, paziente e donatore devono essere la stessa persona (trapianto autologo). Ma tale compatibilità può esserci anche tra un ricevente e un donatore che non hanno legami tra loro (trapianto eterologo). Conservare privatamente le cellule staminali del cordone ombelicale permette alle famiglie di usare il campione all’occorrenza, sia per il donatore che per i fratelli o genitori, se compatibili.

Il campo in cui trovano utilizzo le staminali cordonali non è solo quello delle patologie ematologiche, e questo grazie alle loro proprietà rigenerative e immunomodulatorie. Alcuni studi hanno valutato l’utilizzo di queste cellule per il trattamento della paralisi cerebrale infantile, del diabete infantile di tipo 1 e di tipo 2, di malattie autoimmuni e dell’autismo2,3. Evidenze si sono riscontrate anche in alcuni trials clinici, in cui si sono avuti dei miglioramenti delle condizioni neurologiche di soggetti con adrenoleucodistrofia, una patologia di tipo genetico molto grave dovuta a mutazioni del cromosoma X, a carico del sistema nervoso centrale e delle ghiandole surrenali4.

Sebbene siano stati compiuti dei passi in avanti nel campo della ricerca, in Italia oggi oltre il 95% dei cordoni ombelicali finisce tra i rifiuti biologici. Il giorno del parto è l’unico momento per effettuare il prelievo del campione di cellule staminali cordonali, e per questo motivo è importante che le famiglie facciano una scelta consapevole e informata.

Per maggiori informazioni: www.sorgente.com

Fonti:

 

  1. Broxmeyer, H.E. et al. Hematopoietic stem/progenitor cells, generation of induced pluripotent stem cells, and isolation of endothelial progenitors from 21- to 23.5-year cryopreserved cord blood. Blood. 117:4773- 4777.
  2. Effect of Autologous Cord Blood Infusion on Motor Function and Brain Connectivity in Young Children with Cerebral Palsy: A Randomized, Placebo-Controlled Trial. Sun J. et al, 2017. Stem cells Translational Medicine: Dec, 6 (12): 2017-1078.
  3. Haller MJ, Wasserfall CH, Hulme MA, Cintron M, Brusko TM, McGrail KM, et al. Autologous umbilical cord blood transfusion in young children with type 1 diabetes fails to preserve C-peptide. Diabetes Care. 2011;34:2567–9.
  4. Miller WP, Rothman SM, Nascene D, Kivisto T, DeFor TE, Ziegler RS, et al. Outcomes after allogeneic hematopoietic cell transplantation for childhood cerebral adrenoleukodystrophy: the largest single-institution cohort report. Blood. 2011;118:1971–8.

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.