Secchezza delle fauci (o bocca secca): come può incidere sulla salute dei nostri denti




La secchezza della bocca è una condizione clinica particolarmente comune, che spesso andiamo a riscontrare in determinate fasi della giornata.

Se volessimo definire questa problematica con termini più specifici, potremmo distinguere tra:

  • xerostomia, se si tratta solo di una sensazione di parziale riduzione della secrezione salivare;
  • iposcialia, nel momento in cui vi è un effettivo azzeramento della produzione di saliva.

Caso sicuramente più frequente resta quello del risveglio durante le ore notturne, dove si avverte questa fastidiosa sensazione di bocca arsa e si va alla ricerca di un bicchiere d’acqua per dissetarsi.

Solitamente questo fenomeno è del tutto passeggero e sporadico e in questi casi non è necessario preoccuparsi, in quanto ritorneremo a una normale salivazione nel giro di pochi giorni.




Caso diverso è quello in cui questa sensazione si ripete durante le varie fasi della giornata e porta a un certo fastidio.

La cosa migliore da fare è un semplice consulto con il proprio medico di base o con l’odontoiatra.

Ciò sarà molto utile, perché ci permetterà di verificare lo stato di salute del cavo orale e valutare la presenza di qualche problematica pregressa sottovalutata, che ha contribuito notevolmente allo scatenarsi della condizione di secchezza.

Cause scatenanti da considerare

Questo fastidio può verificarsi per cause tra le più disparate. La più comune è senza alcun dubbio la mancanza di idratazione.

Difatti, nel momento in cui qualunque tipo di fluido all’interno dell’organismo si riduce, si ha una conseguente riduzione dell’afflusso di saliva.

Ma a volte possono esserci altre cause analizzabili.

Ad esempio si può constatare questa condizione con la presenza di alcune abitudini scorrette, la cui conseguenza è proprio il portare a un eccesso di secchezza in bocca.

Sicuramente tra i fattori da considerare, citiamo:

  • l’abuso di alcoolici;
  • il fumo della sigaretta.

Non dimentichiamoci, inoltre, di un’altra importante causa da considerare, come la frequente respirazione orale notturna, dovuta al fatto che l’aria, entrando direttamente in bocca, tende ad asciugare le nostre mucose.

Tuttavia esistono anche una serie di situazioni un po’ più complesse, in cui l’alterazione della produzione di saliva è legata all’uso di alcuni farmaci, ma anche la presenza di alcune patologie nascoste può portare con il tempo alla distruzione delle ghiandole salivari.

Ci sono anche alcuni trattamenti tumorali che possono portare a una condizione di secchezza in bocca, come ad esempio radio e chemioterapia nel distretto della testa e del collo.

In particolar modo la radioterapia produce una fibrosi dei tessuti, quindi anche dei tessuti molli del cavo orale, delle gengive e delle guance, ma anche delle ghiandole salivari.

Proprio l’azione su quest’ultime, tende a portare a una riduzione saliva, con conseguente formazione di carie dentale.  

Conseguenze del riscontrare una secchezza alle fauci

Che questa sensazione possa essere passeggera o comunque limitata solo in alcuni periodi, è normale. Ma non è detto che sia sempre così!

Qualora la secchezza delle fauci si prolungasse nel corso del tempo, si potrebbero verificare problematiche importanti, come ad esempio:

  • alterazione del gusto;
  • difficoltà nella masticazione e nella deglutizione;

Se non opportunamente considerate per tempo, le problematiche correlate alla secchezza delle fauci possono portare ad avere dei riflessi negativi sullo stato di salute del nostro cavo orale.

La saliva, difatti, è un lubrificante, ma allo stesso tempo è anche un efficace protettore per la nostra bocca (in quanto produce immunoglobuline, anticorpi associati alla risposta immunitaria).

Di conseguenza la mancanza di saliva può ampliare il rischio di formazione di processi cariosi, o di infezioni micotiche orali.

Come proteggersi dalla problematica della secchezza delle fauci

Non dobbiamo ovviamente saltare subito a conclusioni affrettate.

Qualora il verificarsi di una secchezza delle fauci derivasse da alcune abitudini alterate, non è di certo necessario effettuare chissà quali trattamenti, se non cambiare in meglio proprio quelle abitudini.

Parliamo, quindi, di:

  • ridurre fumo e alcool, ma anche di caffè, nel momento in cui si ha un’eccessiva assunzione;
  • ridurre i cibi salati e speziati.

Anche nel caso in cui la problematica fosse data dalla presenza di farmaci, sarà sufficiente contattare il proprio medico e far modificare la cura con una più consona a risolvere la questione.

Ma attenzione. Nel momento in cui si verificano quelle condizioni dove non esiste più (o è molto ridotto) il flusso di saliva in bocca, sarà necessario ricorrere a soluzioni differenti per ripristinare le condizioni originarie il più velocemente possibile.

Si pensi, ad esempio, all’utilizzo di apposite sostanze lubrificanti, come ad esempio collutori o gel specifici.

Questo perché, come abbiamo avuto modo di dire, il rischio (in questi casi) di incorrere in problematiche come la carie dentale è talmente elevato che non può in alcun modo essere sottovalutato.

Di conseguenza si deve associare a questo trattamento anche un costante controllo della propria igiene orale domestica, con controlli professionali eseguiti anche presso il vostro odontoiatra di fiducia.

Molto importante sarà il controllo da parte del dentista, nel caso in cui la secchezza delle fauci:

  • tenda a non passare in breve tempo;
  • si riscontri che i trattamenti, come appunto l’uso di sostanze lubrificanti, hanno poco (se non nullo) successo;
  • c’è una difficoltà conclamata nelle fasi di masticazione, deglutizione, ma anche una riduzione del gusto, nonché problematiche nel parlare correttamente.

Conclusioni

Abbiamo quindi visto come la secchezza delle fauci sia, per lo più, una problematica comune e assolutamente risolvibile nel breve periodo.

Abbiamo, di contro, anche visto che questa problematica può nascondere altro, soprattutto nel momento in cui non riesce a passare in tempistiche accettabili.

Ecco perché non dobbiamo farci prendere sicuramente dai facili allarmismi, ma è necessario valutare attentamente la nostra condizione.

Nel caso in cui la problematica della secchezza delle fauci non riesca a risolversi da sola, la cosa migliore da fare è sempre quella di rivolgersi all’odontoiatra per un controllo più approfondito.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.