Diossina, che effetti ha sull’uomo

Diossina




Per diossine si intendono diverse sostanze che derivano da processi naturali di combustione (ad esempio gli incendi nelle foreste o le emissioni di gas dei vulcani) o da attività umane (come l’incenerimento di rifiuti o i processi di produzione industriale).

Ridurre il rilascio di diossine nell’ambiente

Negli anni si è cercato di ridurre il rilascio di diossine nell’ambiente modificando i metodi di produzione degli stabilimenti industriali.

Il rilascio delle diossine in quantità ingenti nell’ambiente è “facilitato” più che altro alle caratteristiche di queste sostanze ovvero:




  • elevata stabilità chimica (si degradano difficilmente)
  • poca facilità di sciogliersi nell’acqua
  • riescono a rimanere per tempi piuttosto lunghi sia nell’ambiente che all’interno degli organismi, anche nell’uomo (nel tessuto adiposo)
  • sono in grado di diffondersi facilmente nell’ambiente, arrivando anche lontano rispetto a dove sono state sprigionate

La principale fonte di esposizione umana alle diossine è rappresentata dagli alimenti (formaggi e prodotti caseari, carni e alcune specie di pesce) oppure per via dell’inalazione e ingestione di polvere o terra, oppure dal contatto con la pelle.

La diossina ha diversi effetti sull’uomo in base al tempo di esposizione alla sostanza e al livello di diossine.

Possono infatti manifestarsi:

  • malattie della pelle (come la cloracne, simile all’acne giovanile, che si manifesta su tutto il corpo e può rilasciare anche delle cicatrici permanenti)
  • alterazioni delle funzioni del fegato
  • difficoltà nel metabolismo del glucosio

Se ci si espone a dosi più basse di diossine ma per periodi di tempo più lunghi, si possono manifestare:

  • danni a livello del sistema immunitario e endocrino
  • interferire con l’equilibrio fisiologico degli ormoni tiroidei e steroidei
  • avere impatti sullo sviluppo del feto, in caso di gravidanza.

Ciò che è constatato è che le diossine sono considerate cancerogene per l’uomo perché possono portare a tumori del tessuto linfatico, tumori del tessuto emopoietico e diverse forme di leucemia.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.