Shock anafilattico, è pericoloso?

Shock




Lo shock anafilattico o anafilassi è una reazione allergica molto grave che può diventare pericolosa per la vita in quanto inizia all’improvviso e peggiora molto rapidamente, quindi è importante un tempestivo intervento. Se si soffre di allergie è sempre bene avere in casa degli antistaminici che possono aiutare nell’immediato.

I fattori scatenanti più comuni sono alimenti, farmaci, veleno di insetti o lattice.

Durante lo shock anafilattico, il sistema immunitario rilascia delle sostanze che provocano un abbassamento improvviso della pressione sanguigna e un restringimento delle vie respiratorie con blocco della respirazione.

Si manifestano, insieme allo shock anafilattico, anche:

  • rallentamento del battito cardiaco
  • orticaria
  • nausea e vomito
  • diarrea
  • stordimento, vertigini, collasso o perdita di coscienza
  • abbassamento della pressione sanguigna
  • difficoltà respiratorie (dispnea), con respirazione veloce e superficiale
  • costrizione delle vie respiratorie e gonfiore (edema) di lingua o gola, che può causare sibili e problemi di respirazione
  • sudorazione
  • confusione e ansia

Come si può notare, tutti questi “sintomi” che si manifestano velocemente, in successione o magari tutti insieme, sono molto pericolosi ed è per questo importante un intervento tempestivo che prevede un’iniezione di adrenalina e un intervento di pronto soccorso.




Se si ingerisce un alimento e si presume di essere allergico oppure se si viene punti da un insetto, chiamare immediatamente un’ambulanza o recarsi al Pronto Soccorso perché, se non trattato immediatamente, lo shock anafilattico può essere fatale.

Quindi, nell’attesa dei soccorsi, distendere in posizione supina la persona, a meno che non sia in stato di incoscienza, in stato di gravidanza o con difficoltà respiratorie.

Rimuovere, se possibile, con attenzione qualsiasi causa scatenante, ad esempio il pungiglione di un’ape ed utilizzare un auto-iniettore di adrenalina, se disponibile e si è in grado di usarlo correttamente.

Questo dispositivo consiste di una siringa (combinata a un ago nascosto) che inietta una singola dose di farmaco quando viene premuto contro la coscia.

Somministrare un’altra iniezione di adrenalina dopo 5-15 minuti se ancora i soccorsi non saranno arrivati.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.