Ansiolitici, sempre e solo sotto ricetta medica

Ansiolitici




Per trattare stati di ansia, attacchi di panico e insonnia, si prescrivono sempre di più gli ansiolitici. Si tratta delle benzodiazepine (Tavor, Xanax, Rivotril, Valium, Ansiolin, En, Frontal, Lexotan, Prazene, Control, Lorans e così via), farmaci che vanno utilizzati solo nel caso, ad esempio, di ansia patologica o per contrastare attacchi di panico o per indurre il sonno, se si ha difficoltà ad addormentarsi o si ha un sonno disturbato da risvegli frequenti notturni con conseguente stanchezza, irritabilità e poca produttività il mattino seguente e con un netto peggioramento della qualità della vita.

La ricetta medica è essenziale

La ricetta medica è essenziale perché le benzodiazepine provocano, più di altre sostanze psicoattive, dipendenza fisica e psicologica, assuefazione e crisi di astinenza.

Così, oltre che per l’inizio della terapia, sarà importante ascoltare il medico anche per l’interruzione e la sospensione di questi farmaci.




Una brusca sospensione di questi farmaci, infatti, causerebbe degli effetti collaterali che potrebbero addirittura peggiorare la situazione come: ansia, insonnia, irritabilità, nausea, cefalea, palpitazioni, tremori, sudorazione, dolori muscolari, vomito, intolleranza alle luci e ai suoni e, raramente, convulsioni e una serie di altri disturbi come eccitazione, tristezza, delirio, allucinazioni, difficoltà a pensare e ad esprimere le proprie emozioni.

Le benzodiazepine

Le benzodiazepine, in definitiva, se usate a dosi basse o usate a dosaggi alti ma per periodi di tempo limitati, sono farmaci utili ed efficaci per molti pazienti; se invece si assumono questi farmaci ad alti dosaggi e per lunghi periodi, a volte addirittura auto-prescrivendoseli, si rischiano la dipendenza, la tolleranza e l’assuefazione (ovvero dover ricorrere sempre a dosi maggiori di farmaco) con rischio di effetti collaterali anche gravi.

Per questo, è sempre bene consultare il proprio medico che farà l’opportuna diagnosi, e non fare di testa propria perché, oltre a non risolvere i problemi di cui si soffre (legati all’ansia, ad esempio), si peggiorerebbe solo la situazione.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.