Ansiolitici, a cosa servono  

Ansiolitici




Gli ansiolitici sono i farmaci più prescritti dopo gli antinfiammatori. Esistono due tipi di ansia: quella normale, quando c’è tensione fisica e psicologica (ad esempio quella provata da uno studente prima di una prova importante), che scompare da sola con il tempo ed è del tutto “fisiologica”.

In questo caso, non serve curare l’ansia con dei farmaci.

Il secondo tipo di ansia è quella patologica che invece è inappropriata rispetto alla situazione in cui ci si trova e può essere eccessiva rispetto a quello che normalmente la situazione richiederebbe.

Solo in questo secondo caso, quando cioè l’ansia può compromettere le normali attività sociali e la qualità della vita, con una corretta diagnosi da parte del medico, si può iniziare un trattamento farmacologico e/o psicoterapico.

Gli ansiolitici sono utilizzati anche per contrastare gli attacchi di panico oppure per indurre il sonno, se si ha difficoltà ad addormentarsi o si ha un sonno disturbato da risvegli frequenti notturni con conseguente stanchezza, irritabilità e poca produttività il mattino seguente, con un peggioramento della qualità della vita.




In ogni caso questi farmaci non vanno assunti per lungo periodo: si tratta di quelli più utilizzati come le benzodiazepine (Tavor, Xanax, Rivotril, Valium, Ansiolin, En, Frontal, Lexotan, Prazene, Control, Lorans, e così via), ma è bene piuttosto ricorrere alla psicoterapia.

Anche perché le benzodiazepine provocano, più di altre sostanze psicoattive, dipendenza fisica e psicologica, assuefazione e crisi di astinenza.

L’interruzione e la sospensione di questi farmaci dunque deve essere graduale e comunque concordata con il medico che valuterà con attenzione le modalità di riduzione del farmaco.

Se infatti ci fosse una brusca sospensione, questa potrebbe provocare effetti collaterali come ansia, insonnia, irritabilità, nausea, cefalea, palpitazioni, tremori, sudorazione ma anche dolori muscolari, vomito, intolleranza alle luci e ai suoni e, raramente, convulsioni, eccitazione, tristezza, delirio, allucinazioni, difficoltà a pensare e ad esprimere le proprie emozioni.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.