Farmaci antivirali e anticorpi monoclonali per limitare i danni del Covid e l’ospedalizzazione

Covid




“I farmaci antivirali e gli anticorpi monoclonali sono importanti per limitare i danni da pandemia Covid e l’ospedalizzazione dei pazienti”, spiega il Dottor Claudio Zanon, Direttore scientifico di Motore Sanità, aprendo i lavori della tavola: “Precocità nel trattamento virale per limitare gli effetti della pandemia COVID” della prima giornata della Winter School 2022 di Pollenzo, dal titolo ‘Oltre la logica dei silos per un’offerta integrata di salute’, organizzata da Motore Sanità, in collaborazione con l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche. Un evento di alto profilo in ambito sanitario, promosso e divulgato da Mondosanità e da Dentro la Salute,.

Entro 5 giorni dall’insorgenza dei sintomi

Il problema è che questi farmaci devono essere dati il prima possibile, entro 5 giorni dall’insorgenza dei sintomi. Tutto questo non è possibile perché la burocrazia ha tempi molto lunghi e, di fatto, ne limita il loro uso, ben al di sotto delle mille somministrazioni giornaliere previste all’inizio”.

Spesse volte, infatti, il tampone arriva dopo le 24 ore e, in caso di positività, l’USCA (Unità Speciali di Continuità Assistenziale) o comunque il Medico di medicina generale (MMG), dovrebbe inquadrare il paziente e chiedere allo specialista infettivologo di inviarlo per poter effettuare queste terapie, per la maggior parte somministrate in ospedale.

La soluzione sarebbe quella di affidarle ai Medici di medicina generale, con l’eventuale teleconsulenza dello specialista, per abbreviare i tempi e somministrarli secondo protocollo” conclude Zanon.




Sito internet: www.motoresanita.it

Tutto quello che vuoi sapere sulla salute: www.mondosanita.it e www.dentrolasalute.it

 



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.