Antibiotici, quando devono essere utilizzati

Antibiotici




Gli antibiotici sono sostanze di origine naturale o sintetica che combattono i batteri, ovvero dei piccoli microrganismi autonomi in grado di penetrare nell’organismo superando le barriere (pelle o mucose), le difese immunitarie e provocando diverse malattie.

Si tratta di malattie semplici come faringotonsilliti, otiti e infezioni urinarie, ma anche gravi come polmoniti, meningiti e sepsi (infezioni generalizzate del sangue).

Si distinguono antibiotici ad ampio spettro

Si distinguono antibiotici ad ampio spettro, attivi su una grande quantità di microrganismi di diverso tipo, e antibiotici a spettro ristretto, che agiscono solo su determinati batteri.




Non sono necessari da assumere nella maggior parte delle infezioni respiratorie delle vie aeree superiori (raffreddore, influenza, alcune otiti, maggior parte delle faringotonsilliti), poiché l’antibiotico non cura queste infezioni, e non si assumono neanche in caso di gastroenteriti.

Il medico, in base ai segni clinici, agli esami di laboratorio e strumentali, all’esperienza e alla conoscenza della frequenza e della distribuzione delle malattie nelle varie fasce di età, valuterà l’origine dell’infezione e se sarà necessario per il paziente iniziare la terapia antibiotica, e quale che sia l’antibiotico più appropriato per il tipo di infezione.

L’utilizzo di un antibiotico non appropriato può infatti esporre il paziente al rischio di un mancato effetto terapeutico, oltre che alla comparsa di effetti collaterali.

Quindi è bene non assumere antibiotici senza aver consultato il medico e senza prescrizione medica.

Inoltre:

  • usarli solo per curare le infezioni causate da batteri
  • per le malattie infettive ricorrenti, non iniziare autonomamente antibiotici consigliati in precedenza o avanzati da un utilizzo precedente
  • conservare gli antibiotici in luogo fresco e asciutto e lontano dalla portata dei bambini
  • rispettare il dosaggio e la durata della terapia con l’antibiotico prescritti dal medico
  • in caso di errori nell’assunzione (in particolare il sovradosaggio) consultare sempre il medico

se l’antibiotico prescritto determina dei disturbi, non si deve interrompere spontaneamente il trattamento, ma segnalare questi disturbi al medico.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.