HIV, in Italia il 95% dei pazienti sono ben curati

HIV




“La Simit può svolgere un ruolo fondamentale nella lotta all’ Hiv, deve dare le regole del gioco, dire ciò che la scienza sta dicendo già da diversi anni e su quei dati costruire i protocolli diagnostico-terapeutici da applicare all’interno di tutte le regioni. La Simit, deve fare sentire la propria voce in maniera autorevole, colloquiando con le istituzioni ma indicando quella che è la strada giusta per mantenere e migliorare il successo raggiunto nella battaglia contro l’Hiv”.

Così Massimo Andreoni, direttore scientifico della ‘Società Italiana di malattie Infettive e Tropicali’, interpellato dall’agenzia Dire il convegno ‘le politiche sull’AIDS in Italia e la loro applicazione territoriale’, organizzato dal Ministero della Salute a Roma.

Applicazione al ‘Piano Nazionale AIDS’

A tenere alto il dibattito è stato il dato che solo 7 regioni hanno dato applicazione al ‘Piano Nazionale AIDS’, quindi anche se “oggi sappiamo che la terapia permette di non trasmettere più l’infezione c’è un forte rischio di perdere tutto quello che abbiamo fatto fino ad ora per qualche regione che rimane indietro definitivamente nell’applicazione del Piano Nazionale contro l’Hiv- mette in guardia Andreoni- Il rischio che ci siano diversi atteggiamenti e diverse strategie per la cura dei malati Hiv è un rischio molto grosso.

Lo Stato italiano è al primo posto al mondo per i risultati ottenuti, tanto che più del 95% dei nostri pazienti sono ben curati, perdere tutto questo sarebbe una colpa gravissima, speriamo quindi che tutte le regioni si adeguino al più preso al Piano nazionale contro l’Aids”.




Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.