Staminali cordonali e autismo

cellule staminali




Le cellule staminali cordone ombelicale rappresentano un valido strumento terapeutico per il trattamento di numerose patologie. Le applicazioni cliniche possibili, che hanno già dato prova della loro efficacia, sono molteplici e spaziano dal trattamento di alcune neoplasie a quello dei disordini congeniti del sistema immunitario1. Non solo però: sono in corso degli studi preclinici e clinici volti a valutare l’efficacia dell’utilizzo di tali cellule anche nel trattamento dei disturbi dello spettro autistico.

Patologia molto eterogenea dello sviluppo neuronale

Il disordine da spettro autistico è una patologia molto eterogenea dello sviluppo neuronale, caratterizzata da deficit di comunicazione sociale, da ristretto interesse e da comportamenti ripetitivi. Più approcci sono combinati al fine di migliorare le abilità comunicative e sociali dei pazienti: logoterapia, terapia comportamentale e occupazionale. Solitamente, a questi si associa la terapia medica, che invece mira a trattare aspetti legati alla co-morbilità, o a migliorare i sintomi quali ansia, aggressività, iperattività.2 

Le cause dell’autismo non sono ancora del tutto stabilite. È acclarata la componente genetica nella trasmissione della malattia, che potrebbe dipendere dalla mutazione di uno o più geni. Si stima che il 50-55% dei casi di autismo sia dovuto a cause genetiche3. La restante parte dei casi sembrerebbe invece essere legata alla presenza di fattori ambientali che possono attivare le risposte immunitaria e antinfiammatoria materne e influenzare lo sviluppo pre o postnatale del bambino.3,4 




Risposta immunitaria in epoca prenatale e postnatale

Alcune ricerche hanno messo in evidenza come la materia bianca del cervello sia particolarmente sviluppata nei bambini autistici. Questo accrescimento potrebbe essere dovuto alla risposta immunitaria in epoca prenatale e postnatale agli autoanticorpi IgG materni. Ovvero, sarebbe direttamente collegata a un problema di autoimmunità materna.3,4

È stata notato che i livelli di citochine plasmatiche, proteine coinvolte nella crescita, differenziazione e morte cellulare, sono alti nei pazienti con spettro autistico. L’interleuchina 6, per esempio, è una citochina che risulta particolarmente espressa sia negli individui autistici che nelle loro madri.3,4 L’elevato livello di citochine pro-infiammatorie potrebbe comportare gli stereotipi comportamentali e le difficoltà di interazione sociale e di comunicazione non verbale nei bambini autistici. 

Studi clinici hanno dimostrato che le cellule staminali contenute nel sangue cordonale potrebbero ridurre l’infiammazione e le alterazioni della connettività cerebrale che sono tipiche del cervello di un individuo autistico. In particolare, si è visto che l’infusione con cellule staminali cordonali autologhe, ovvero del paziente stesso, aumenta la connettività tra l’ippocampo e la parte sinistra del talamo, e riduce lo sviluppo anomalo della materia bianca2,5,7. L’infusione di staminali cordonali ha apportato, in alcuni casi, dei miglioramenti comportamentali e delle abilità sociali, l’aumento della comunicazione e la decrescita dei sintomi2,5,7.

L’utilizzo delle cellule staminali

L’utilizzo delle cellule staminali autologhe da cordone ombelicale in pazienti autistici ha basso rischio di rigetto e si è dimostrato sicuro6,7. Negli USA, presso la Duke University, è attivo uno studio clinico volto a stabilire efficacia e sicurezza del trapianto autologo delle staminali cordonali per il trattamento di pazienti autistici.

Le grandi potenzialità terapeutiche, presenti e future, delle cellule staminali cordonali dovrebbero incoraggiare i futuri genitori a conservare il cordone ombelicale del loro bambino al momento della nascita.

Per maggiori informazioni sulla conservazione del cordone visita www.sorgente.com

Se hai trovato questo articolo interessante condividilo nel tuo network!

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente

Fonti:

  1. Decreto Ministeriale del 18 Novembre 2009
  2. Dawson G, Sun JM, Davlantis KS et al. Autologous cord blood infusions are safe and feasible in young children with autism spectrum disorder: Results of a single‐center phase i open‐label trial. Stem Cells Translational Medicine 2017;6:1332–1,339
  3. Meltzer A, Van de Water J. The role of the immune system in autism spectrum disorder. Neuropsychopharmacology 2017;42:284–298.
  4. Ashwood P, Wills S, Van de Water J. The immune response in autism: A new frontier for autism research. J Leukoc Biol 2006;80:1–15
  5. Murias M, Major S, Compton S et al. Electrophysiological biomarkers predict clinical improvement in an open‐label trial assessing efficacy of autologous umbilical cord blood for treatment of autism. Stem Cells Translational Medicine 2018;7:783–791
  6. Pardo CA, Vargas DL, Zimmerman AW. Immunity, neuroglia and neuroinflammation in autism. Int Rev Psychiatry 2005;17:485–495.
  7. Chez M, Lepage C., Parise C., Dang-Chu A., Hankins A., Carroll M. Safety and Observations from the placebo-controlled, crossover study to assess use of autologous umbelical cord bloos stem cells to improve symptoms in children with autism. Stem Cells Translational Medicine 2018;7: 333-341

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.