Clampaggio del cordone ombelicale e conservazione delle cellule staminali

Clampaggio del cordone




Il momento in cui avviene la separazione tra mamma e bimbo appena nato è noto come “taglio del cordone”. Il termine tecnico preciso, e forse meno conosciuto, è “clampaggio del cordone”. La maggior parte delle coppie che hanno scelto di conservare le cellule staminali cordone ombelicale del proprio bimbo, non hanno la consapevolezza dello svolgimento di questa operazione, soprattutto per quanto riguarda la tempistica in cui eseguirla.

Ci sono stati dibattiti e scambi di opinioni, anche molto differenti

Ci sono stati dibattiti e scambi di opinioni, anche molto differenti, sul tempo che dovrebbe servire a eseguire il taglio del cordone, come confermato dal comitato dell’American College of Obstetricians and Gynecologyst e dall’American Academy of Pediatrics1. Secondo alcuni studi clinici, se si esegue in ritardo l’operazione di separazione tra mamma e figlio, si può avere una carenza di ferro nel neonato agevolando la capacità antiossidante1,2; oltre a ciò, può verificarsi una policitemia (aumento dei globuli rossi nel sangue)3, oppure un maggior bisogno di fototerapia per trattare l’ittero4. Secondo un altro studio, se il clampaggio viene eseguito troppo presto, invece, è possibile prelevare molte più cellule CD34+5. Una recente rivisitazione dell’argomento6 ha evidenziato che non può essere stabilita una tempistica precisa per il clampaggio, senza definire a priori lo stato di salute e la fisiologia del bimbo.

La salute di mamma e bimbo va sempre al primo posto, a prescindere dalla volontà di conservare le cellule staminali del cordone ombelicale, il che non esclude la possibilità di procedere lo stesso1. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha fornito delle indicazioni circa la procedura del clampaggio tardivo7: la tempistica suggerita oscilla tra 1 e 3 minuti dopo la nascita.




Alcuni istituti si sono espressi sull’argomento, elenchiamo i maggiori pareri:

  • secondo Il New York Blood Center l’esecuzione tardiva del taglio cordonale riduce la possibilità di prelevare un numero di staminali sufficiente alla donazione/conservazione;
  • l’American College of Obstetricians and Gynecologists in merito al clampaggio tardivo suggerisce un’attesa di 30-60 secondi, sostenendo che in tal modo la bilirubina rischi di aumentare eccessivamente (iperbilirubinemia) e si possa asportare un numero inferiore di cellule staminali;
  • durante il Congresso mondiale sul sangue cordonale tenutosi a Londra, si è evidenziato che il rischio di anemia post clampaggio non è un rischio reale nei paesi sviluppati8.

In conclusione, le coppie che scelgono un taglio cordonale tardivo, si troverebbero davanti alla decisione di conservare abbastanza staminali, oppure avere un valore di ferro più alto dopo il parto.

Anche il presidente della Cord Blood Association, Joanne Kurtzberg, si esprimerà sul tema, parlando anche di come le banche del cordone (sia pubbliche sia private) potrebbero partecipare in modo proattivo. Non si può certo escludere la possibilità, negli anni a venire, che le cellule staminali del cordone ombelicale possano essere usate non solo per i trapianti, ma anche in terapie cellulari8.

Scegliere la conservazione delle cellule staminali è un punto di partenza essenziale per aiutare a studiare nuove terapie per il trattamento di un numero sempre crescente di malattie.

Per maggiori informazioni: www.sorgente.com

Se hai trovato questo articolo interessante condividilo nel tuo network!

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente

Fonti:

  1. Committee Opinion No.543: Timing of umbilical cord clamping after birth. Obstet Gynecol. 120(6): p. 1522-6.
  2. Diaz-Castro, J., et al., The timing of cord clamping and oxidative stress in term newborns. Pediatrics. 134(2): p. 257-64.
  3. Hutton, E.K. and E.S. Hassan, Late vs early clamping of the umbilical cord in full-term neonates: systematic review and meta-analysis of controlled trials. JAMA, 2007. 297(11): p. 1241-52.
  4. McDonald, S.J. and P. Middleton, Effect of timing of umbilical cord clamping of term infants on maternal and neonatal outcomes. Cochrane Database Syst Rev, 2008(2): p. CD004074.
  5. Pafumi, C., et al., Two enrichment methods to obtain CD34+ stem cells from umbilical cord blood. Bratisl Lek Listy, 2001. 102(4): p. 183-6.
  6. Hooper SB, Binder-Heschl C, Polglase GR, et al. The timing of umbilical cord clamping at birth: physiological considerations. Maternal Health, Neonatology and Perinatology. 2016;2:4. doi:10.1186/s40748-016-0032-y
  7. www.who.int

8.www.sorgente.com



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.