Diabete in gravidanza, cause e complicanze

Diabete in gravidanza




La gravidanza è un periodo molto delicato per la futura mamma, che rivolge i propri pensieri e le proprie attenzioni principalmente al bimbo che porta in grembo. Per controllare la salute del nascituro, è importante farsi visitare regolarmente dal proprio medico e sottoporsi anche a test di screening prenatale.

Gli esami prenatali si dividono in test di screening non invasivi, come il Bi test o il test del DNA fetale, ed esami di diagnosi prenatale invasivi, come l’amniocentesi o la villocentesi. Anche la salute della gestante va però monitorata, poiché durante la gravidanza potrebbero manifestarsi alcune patologie, come il diabete, che potrebbero avere ripercussioni anche sul bambino.

Diabete mellito gestazionale

Il diabete che una gestante sviluppa per la prima volta durante la gravidanza viene definito diabete mellito gestazionale e comprende sia le tipologie di diabete che insorgono durante i nove mesi di gestazione, sia quelle che non erano state diagnosticate prima1. Il diabete insorge in media nel 7-8% delle gravidanze, che perciò sono considerate “a rischio” a causa delle maggiori complicanze per mamma e bimbo1. Lo stile di vita della donna in dolce attesa, pertanto, deve essere quanto più sano ed equilibrato possibile, e occorre rispettare le indicazioni mediche.




Il diabete gestazionale può portare alcune complicanze, come la gestosi ipertensiva, il distacco della placenta, il poliamnios (liquido amniotico in eccesso), il parto prematuro, l’inerzia uterina in fase di travaglio, infezioni urinarie e vaginali e l’atonia post partum2.

La diagnosi del diabete gestazionale

La diagnosi del diabete gestazionale si basa sull’osservazione di alcuni sintomi tipici, come sete eccessiva, aumento della minzione, disturbi visivi, frequenti infezioni (per esempio le cistiti)1. È molto importante monitorare lo stato di salute della gestante, affinché si possa intervenire in tempo ed evitare complicanze per il nascituro.

In gravidanza la placenta produce ormoni capaci di contrastare l’effetto dell’insulina. La reazione del corpo umano, normalmente, prevede la produzione maggiore di insulina, grazie all’attività del pancreas; tuttavia, quando questo organo non riesce ad aumentare tale produzione, i valori della glicemia nel sangue si innalzano agevolando l’insorgenza del diabete3.

I fattori di rischio che concorrono all’insorgenza del diabete nelle gestanti possono essere i seguenti:

  • presenza di casi simili in famiglia;
  • obesità o sovrappeso della gestante;
  • presenza di zuccheri nell’urina (glicosuria);
  • diagnosi di diabete gestazionale in gravidanze precedenti;
  • peso alla nascita del bimbo maggiore di 4,5 kg in una gravidanza precedente;
  • età della gestante superiore ai 35 anni;
  • etnia – le donne dell’Asia meridionale (Pakistan, India, Bangladesh), e mediorientali (Libano, Iraq, Arabia Saudita, Qatar, Emirati Arabi Uniti, Giordania, Siria, Oman, Kuwait, Egitto) hanno un rischio maggiore3.

Durante la gravidanza è importante controllare alcuni parametri che possono indicare l’insorgenza del diabete mellito, per esempio la glicemia a digiuno e due ore dopo aver mangiato e l’emoglobina glicata (la media dei valori glicemici degli ultimi due o tre mesi). Se la gestante è a rischio, deve anche sottoporsi a test da carico con glucosio (o test della curva glicemica) che consiste nel controllo dei valori glicemici nel sangue all’inizio, dopo un’ora, e dopo due ore dall’assunzione di una soluzione glucosata1,3.

Nel caso in cui insorga il diabete gestazionale

Nel caso in cui insorga il diabete gestazionale, la gestante dovrà alimentarsi adeguatamente, come tutte le donne in gravidanza, al fine di garantire un apporto nutrizionale corretto per mamma e bimbo, e dovrà costantemente monitorare i valori della glicemia4.

Durante la gravidanza è importante prendersi cura della propria salute e di quella del nascituro, ed è utile seguire tutte le indicazioni mediche e fare anche esami di screening o di diagnosi prenatale. Il test del DNA fetale è un test di screening prenatale che può essere svolto già dalla decima settimana di gestazione, ed è attendibile fino al 99,9% nella rilevazione delle maggiori anomalie cromosomiche (sindrome di Down, sindrome di Edwards, sindrome di Patau).

Occorre sempre consultare il ginecologo di fiducia, per essere guidate verso il percorso diagnostico più idoneo alle proprie condizioni.

Per maggiori informazioni: www.testprenataleaurora.it

Fonti:

  1. Humanitas Research Hospital
  2. Medicina dell’età prenatale: prevenzione, diagnosi e terapia dei difetti congeniti e delle principali patologie gravidiche – Antonio L. Borrelli, D. Arduini, A. Cardone e V. Ventruto – p.386
  3. FAND – Fondazione Italiana Diabete
  4. Associazione Medici Endocrinologi

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.