Conservare il cordone ombelicale: quali sono le procedure?

Conservare il cordone




Si sente parlare spesso di “conservazione cordone ombelicale” e utilizzo delle staminali cordonali nel trattamento di diverse patologie. Cosa si intende precisamente e come avviene la conservazione di tali cellule?

Molte coppie in attesa di un figlio nutrono dubbi in merito, più che legittimi e naturali, specie per quanto riguarda la procedura di raccolta. Spesso i genitori si chiedono se il bambino appena nato potrà avvertire dolore o se la procedura sia sicura al 100%. Inoltre, molte persone non conoscono le caratteristiche delle staminali cordonali e hanno dubbi sul fatto che la conservazione sia efficiente.

Facciamo chiarezza su alcuni aspetti riguardanti le staminali del cordone e la conservazione del cordone

Il sangue cordonale, contenente le staminali, viene raccolto al momento della nascita, attraverso procedure sicure e indolori sia per il piccolo che per la madre. Il campione viene raccolto dal personale ostetrico formato utilizzando un apposito ago, così da poter trasferire il sangue cordonale dalla vena ombelicale a una sacca ematica contenente un anticoagulante.




Una volta arrivato alla biobanca, dove verrà conservato, il campione raccolto viene sottoposto a una serie di analisi ematologiche volte a valutare la cellularità e il volume, e a controllare l’eventuale presenza di batteri o contaminanti che potrebbero interferire con la conservazione.

Terminate e superate le analisi, il campione viene sottoposto a una serie di trattamenti: per esempio, viene spesso rimossa la frazione plasmatica o dei globuli rossi, e viene miscelato con un agente crioprotettivo, generalmente dimetilsolfossido al 10%, che ne garantisce la corretta conservazione. Dunque, il campione è pronto a essere crioconservato all’interno di biocontainers a -196°C (temperatura raggiunta data la presenza di azoto liquido o aeriforme).1

I biocontainers sono localizzati all’interno di apposite stanze

I biocontainers sono localizzati all’interno di apposite stanze, ciascuna dotata di un sistema di rilevazione di temperatura che ne registra le eventuali variazioni che, se esagerate, potrebbero danneggiare l’intero processo di conservazione. I sensori sono collegati dunque a un allarme in grado di avvisare gli operatori che qualcosa sta andando storto. Inoltre, come ulteriore precauzione, i biocontainers sono spesso dotati di una fonte secondaria di azoto, come scorta in caso di eventi imprevisti come un blackout.

Tutte queste accortezze e questi processi permettono di conservare le staminali del cordone ombelicale per un lungo periodo di tempo. Studi scientifici hanno dimostrato che le staminali cordonali possono essere crioconservate per oltre 24 anni mantenendo inalterate capacità proliferative, differenziative e vitalità.2,3

La ricerca

Una ricerca ha dimostrato che staminali del cordone, conservate per più di 24 anni, trapiantate in un modello murino riuscivano a ripopolare il midollo osseo dell’animale e, quando raccolte a distanza di sei mesi dal trapianto, sono state in grado di ripopolare il midollo anche di un secondo animale.3

Questi risultati scientifici sono straordinari e ci ricordano l’importanza della conservazione del cordone ombelicale al fine di ottimizzare e mettere a punto terapie innovative per malattie ad oggi incurabili.

Per ulteriori informazioni sulla conservazione del cordone visita il sito www.sorgente.com e parla con gli esperti di Sorgente.

Fonti:

  1. Moise, K.J., Jr., Umbilical cord stem cells. Obstet Gynecol, 2005. 106(6): p. 1393-407.
  2. Broxmeyer, H.E., et al., Hematopoietic stem/progenitor cells, generation of induced pluripotent stem cells, and isolation of endothelial progenitors from 21- to 23.5-year cryopreserved cord blood 117(18): p. 4773-7.
  3. Broxmeyer, H.E., Cord blood hematopoietic stem cell transplantation in StemBook, T.S.C.R. Community, Editor. May 26, 2010.

a cura di: Ufficio Stampa Sorgente



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.