Cellule staminali cordonali, a cosa servono?




Quali sono le peculiarità delle cellule staminali? E perché conservare cellule staminali è così importante in campo clinico? Noto è il compito del cordone ombelicale, ossia quello di consentire il passaggio di sostanze nutrienti tra mamma e bimbo. Inoltre, quest’organo contiene circa 60-80 cc di sangue, dove vive una moltitudine eterogenea di cellule staminali, ovvero le staminali cordonali.

Ma quali e quanti sono i tipi di di staminali cordonali?

Esistono le:

  • mesenchimali: hanno la capacità di differenziarsi in cellule ossee, nervose, cartilaginee e adipose;
  • simil-embrionali: sono capaci di distinguersi in cellule dei tessuti mesodermici (derma), endodermici (intestino), ectodermici (midollo spinale);
  • ematopoietiche: possono tramutarsi in cellule midollari ed ematiche;
  • progenitrici endoteliali: possono dare origine alle cellule di cui sono costituiti i vasi sanguigni1,2.

Una caratteristica molto importante di queste cellule è il rilascio di fattori umorali come la prostaglandina E24,5, grazie al quale le stesse cellule staminali esercitano una funzione anti-infiammatoria.




Le caratteristiche delle cellule staminali

La caratteristica delle cellule staminali cordonali che suscita interesse è la capacità che dimostrano nel differenziarsi e nel moltiplicarsi. Queste proprietà rendono queste cellule adatte all’utilizzo nel campo della medicina rigenerativa, ossia quel ramo della moderna medicina che studia la rigenerazione sia degli organi sia dei tessuti che hanno subito lesioni; ciò costituisce una valida alternativa al trapianto di organi o tessuti.

Nella medicina rigenerativa ha un alto grado di efficacia solo il trapianto autologo (realizzato con cellule prelevate dal paziente stesso). Il trapianto allogenico, invece, avviene mediante l’asportazione di cellule appartenenti a un altro soggetto, e ciò espone il ricevente al rischio di rigetto che lo vincolerebbe all’assunzione perenne di medicine. Nei trapianti allogenici è consigliabile ricorrere all’impiego di staminali cordonali, perché a causa della loro “immaturità” immunologica1,3 si ha un rischio di rigetto inferiore e un attecchimento migliore rispetto alle staminali provenienti da altri tessuti.

Conservare le cellule staminali è una scelta molto importante per le famiglie, poiché costituisce una possibilità di trattamento di numerose patologie.

Per maggiori informazioni: www.sorgente.com

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente

Note bibliografiche:

  1. Francese, R. and P. Fiorina, Immunological and regenerative properties of cord blood stem cells. Clin Immunol, 2010. 136(3): p. 309-22.
  2. Mihu, C.M., et al., Isolation and characterization of stem cells from the placenta and the umbilical cord. Rom J Morphol Embryol, 2008. 49(4): p. 441-6.
  3. Harris, D.T., Non-haematological uses of cord blood stem cells. Br J Haematol, 2009. 147(2): p. 177-84.
  4. Jiang, X.X., et al., Human mesenchymal stem cells inhibit differentiation and function of monocyte-derived dendritic cells. Blood, 2005. 105(10): p. 4120-6.
  5. Spaggiari, G.M., et al., MSCs inhibit monocyte-derived DC maturation and function by selectively interfering with the generation of immature DCs: central role of MSC-derived prostaglandin E2. Blood, 2009. 113(26): p. 6576-83.

 

 

 

 

 

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.