Roma, l’ospedale Vannini, entra nel futuro: tablet e smartphone nei reparti




Il progetto DSE MOBILE (Dossier Sanitario Elettronico) realizzato dall’Ospedale Vannini, con il contributo della Fondazione Roma, potenzia ed ottimizza i servizi ospedalieri offerti, consentendo ai medici di visualizzare attraverso tablet e smartphone, le immagini radiologiche e tutti i precedenti clinici degli assistiti.

Il sistema introdotto, che è aperto e adattabile a future evoluzioni, assicura ai medici l’immediata disponibilità dei dati storici dei pazienti, identifica gli assistiti in modo univoco, consente l’integrazione di tutti i sistemi utilizzati nei vari reparti, garantendo al tempo stesso la sicurezza dei dati.

Il medico può avere accesso in tempo reale, direttamente al letto del paziente, a tutti i dati presenti nell’archivio informatico, ai referti, alle radiografie, alle tac, alle risonanze magnetiche, alle analisi di laboratorio, a tutta la diagnostica strumentale e sarà quindi in grado di avere un quadro clinico esaustivo e completo del paziente.

Altro elemento di novità è rappresentato dalla dotazione anche nei reparti del Braccialetto Identificativo Unico dei pazienti. Si tratta di una striscia di carta plastificata sulla quale vengono impressi un codice a barre e  un numero identificativo, che individuano in modo univoco il paziente, evitando ogni possibilità di errore. Il medico, attraverso la telecamera del proprio dispositivo portatile, potrà identificare facilmente e con assoluta certezza il paziente.




I benefici saranno molteplici. Grazie all’abbattimento dei tempi necessari per la consultazione dei referti cartacei e alla immediata disponibilità delle informazioni, si avranno riduzione delle inefficienze organizzative, miglioramento nella qualità delle prestazioni assistenziali e riduzione dei tempi medi di degenza.

In particolare il sistema consentirà:

– un più rapido inquadramento clinico-diagnostico dovuto alla possibilità per qualunque medico di accedere velocemente alle informazioni cliniche-storiche del paziente;

– certezza del percorso clinico individuale dei degenti con riduzione del rischio di errore nell’attribuzione dei referti, degli esami diagnostici e delle consulenze;

– riduzione dei tempi di accesso alle informazioni cliniche e quindi maggiore dedizione alla  relazione con il paziente e con i familiari.

Inoltre la copertura WIFI, estesa a tutta la Struttura, consente ai ricoverati, al personale ed a tutte le persone che accedono all’Ospedale la fruizione di servizi informativi.

Trattasi di rete WIFI di ultima generazione in grado di garantire la sicurezza dei dati nelle diversificate articolazioni ed esigenze della Struttura ospedaliera.

L’impegno di spesa globale sostenuto dell’Ospedale nei ultimi 2 anni è stato di circa € 800.000 di cui € 264.526,16 per il progetto DSE MOBILE. Il contributo della Fondazione Roma è stato di  € 215.000.

Sono orgoglioso – dichiara il Prof. Avv. Emmanuele Francesco Maria Emanuele, Presidente della Fondazione Roma – del sostegno fornito dalla Fondazione all’Ospedale Vannini allo scopo di potenziare i suoi servizi, contributo che consente ai medici di accedere in tempo reale alla cartella clinica elettronica del paziente, comprensiva dei suoi dati storici, e permette l’integrazione tra i sistemi utilizzati nei vari reparti”.

La sanità italiana – interviene il Direttore Generale della Fondazione, Franco Parasassi (che sarà presente all’inaugurazione) – pur essendo ancora valutata positivamente dagli indici internazionali, soffre da anni di un’evidente carenza di investimenti. Le politiche statali votate alla disciplina fiscale, in ossequio ai parametri europei, hanno portato a considerare il welfare, a partire dalla salute, soltanto come un costo, insostenibile per i bilanci pubblici. La Fondazione Roma, al contrario, considera la sanità come un servizio primario, a tal punto da averne fatto la priorità dell’attività istituzionale”.

Il progetto realizzato all’Ospedale Vannini – conclude il Direttore Generale della Fondazione Roma – fa parte di un grande intervento lanciato nel 2014, quando la Fondazione Roma ha messo a disposizione degli ospedali del proprio territorio di riferimento un contributo per realizzare programmi di sviluppo dei sistemi informativi e delle tecnologie diagnostiche ‘al letto del paziente’, combinando così due princìpi guida dell’istituzione: da una parte, l’attenzione prioritaria alla salute, dall’altra, la valorizzazione delle nuove tecnologie come strumento in grado di fornire servizi più efficienti in risposta ai bisogni della comunità”.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.