Polmoni sani con una dieta ricca di pomodori e mele. Lo dice una nuova ricerca americana

Polmoni sani con una dieta ricca di pomodori e mele




La natura spesso ci propone soluzione che possono aiutare le persone non solo a curarsi, ma anche a prevenire o almeno a rinforzare il fisico. Chiaramente tra le prime azioni da fare per mantenere un corpo sano è senza dubbio la giusta alimentazione. Seguire una dieta a base di particolari e selezionati frutti e ortaggi può aiutare a contenere e a migliorare, uno di questi è senza dubbio mantenere e ripulire i polmoni agli ex fumatori.

Polmoni sani con frutta e verdura è possibile?

Un ex fumatore spesso si trova in una condizione da prendere in considerazione per cercare di ritornare o meglio far ritornare allo stato di normalità i polmoni danneggiate dal fumo delle sigarette.
Si è scoperto infatti che utilizzando mele e pomodori si controibuisce a pulire e a migliorare le condizioni degli ex fumatori. Tanto che da studi effettuati pare che le sostanzwe contenuti in questi due elementi aiutino a ripristinare i danni causati dal fumo ma anche a prevenire l’invecchiamento stesso del polmone.
A scoprilo è stato uno studio della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimor, una ricerca che è stata pubblicata sulla rivista specialistica European Respiratory Journal  condotta nell’ambito del progetto di ricerca Ageing Lungs in European Cohorts (ALEC) Study, finanziato dalla Commissione Europea e coordinato dall’Imperial College di Londra.

Coinvolte 650 persone in dieci anni

L’analisi ha coivolto circa 650 persone analizzando i dati sia degli ex fumatori ma anche dei fumatori
valutando il loro consumo di frutta e verdura allineando degli speciali questionari e misurando la
funzione respiratoria con esami spcifici come la spirometria sia all’inizio dello studio che dopo 10
anni. L’autrice dello studio, Vanessa Garcia-Larsen ha precisato che “l’effetto protettivo sui polmoni si
vede con consumi giornalieri di almeno due pomodori e di almeno tre porzioni di frutta, la mela in
particolare”. Si tratta di quantità importanti, che tuttavia per Giovanni D’Agata, presidente dello
Sportello dei Diritti”, non sbilancerebbero le nostre diete, ed in particolare quella mediterranea.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.