Sonnifero, usarlo solo dietro prescrizione medica  

Sonnifero




Molte persone soffrono di insonnia, in cui è inclusa anche la difficoltà a prendere sonno o il sonno disturbato con risvegli notturni frequenti. Ovviamente tutto questo porterà a stanchezza diurna, irritabilità, difficoltà a svolgere il proprio lavoro ed in generale provocherà un peggioramento nella qualità della vita.

Per risolvere questo problema

Quindi, per risolvere questo problema, in tanti ricorrono ai sonniferi, farmaci ipnoinducenti che facilitano l’addormentamento. I farmaci più usati sono le benzodiazepine (Dalmadorm, Felison, Halcion, Minias, Roipnol e così via) e altri farmaci che hanno un effetto sedativo (Nottem, Stilnox, Buspar e così via).

Largo uso viene fatto anche di prodotti naturali come la Valeriana, il Sedatol e così via.




La prima tipologia di farmaco citata, però, se utilizzata a lungo, provoca dipendenza fisica e psicologica, assuefazione e crisi di astinenza.

Quindi è bene che vengano utilizzati solo dietro prescrizione medica così come è importante sentire il medico anche per la riduzione del farmaco e per la sua interruzione che deve essere graduale in quanto, se brusca, può provocare effetti collaterali come ansia, insonnia, irritabilità, nausea, cefalea, palpitazioni, tremori, sudorazione.

Altri sintomi meno frequenti potrebbero essere dolori muscolari, vomito, intolleranza alle luci e ai suoni e, raramente, convulsioni e una serie di altri disturbi come eccitazione, tristezza, delirio, allucinazioni, difficoltà a pensare e ad esprimere le proprie emozioni.

Nella carrellata di farmaci contro l’insonnia

Nella carrellata di farmaci contro l’insonnia, sono da citare anche sonniferi senza ricetta che sono quelli da banco che possono essere acquistati senza una prescrizione medica; sono una valida alternativa ai farmaci, in quanto non hanno delle controindicazioni e non creano dipendenza.

Per aumentare l’efficacia di questi ultimi, è necessario fare la propria parte, ad esempio cercando di coricarsi sempre allo stesso orario per stabilizzare il ritmo circadiano; evitare di assumere caffeina, soprattutto di sera; rinunciare ai sonnellini diurni; non utilizzare dispositivi elettronici la sera; svolgere regolare attività fisica.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.