Staminali del cordone ombelicale: donazione o conservazione privata?

Staminali del cordone ombelicale: donazione o conservazione privata?




Numerosi studi hanno evidenziato il valore delle cellule staminali, anche delle staminali cordone ombelicale, per il trattamento di diverse patologie. Queste cellule sono contenute nel sangue cordonale di ogni bimbo appena nato. L’importanza delle cellule staminali cordone ombelicale dovrebbe essere nota a tutti i futuri genitori, affinché possano decidere, consapevolmente, se conservarle privatamente oppure donarle al sistema pubblico. Di seguito, alcune informazioni sui due tipi di conservazione proposti.

Staminali, cosa c’è da sapere

La donazione determina la cessione delle cellule staminali raccolte dal sangue cordonale del bambino al sistema sanitario pubblico. I genitori, quindi, perdono la proprietà del campione che sarà conservato in una delle strutture pubbliche presenti in Italia e potrà essere utilizzato, quando compatibile, per i trapianti allogenici. Secondo il Ministero della Salute1, fa eccezione il caso in cui vi siano rischi di patologie “geneticamente determinate” per il nascituro. In questo caso, la famiglia può scegliere la conservazione per uso autologo dedicato.

In Italia sono presenti 19 biobanche pubbliche, pari al 10% delle strutture mondiali. Nonostante ciò, la donazione non è un servizio garantito e la gran parte dei cordoni finisce tra i rifiuti organici. Secondo i dati riportati dal CNS (Centro Nazionale Sangue), infatti, il numero di campioni depositati in banca è ancora molto basso: nel 2016 solo 1.171 campioni su 14.852 raccolti, con un numero di nascite pari a 474.000 nati. Questo significa che più del 90% dei campioni raccolti è stato buttato2.




La conservazione privata

La conservazione privata permette la crioconservazione delle cellule staminali del cordone in biobanche dove rimangono di proprietà della famiglia, che può accedervi in caso di necessità. Il Decreto Ministeriale del 18 novembre 2009 stabilisce che la conservazione privata può essere effettuata soltanto in biobanche con sede in territorio estero.

Le staminali conservate in una biobanca privatamente possono essere utilizzate per trapianti autologhi, ovvero le cellule vengono usate per il trattamento della stessa persona che le ha generate; oppure allogenici intra-familiari e, quindi, essere utilizzate per trattare parenti del donatore.

In quest’ultimo caso, più stretta è la parentela maggiore sarà la possibilità che ci sia compatibilità: fino al 50% con i genitori e fino al 25% con fratelli e sorelle. La qualità del servizio offerto dalle banche private non è inferiore a quella delle banche pubbliche.

Scegliere di donare le cellule staminali cordonali o di conservarle privatamente permette di avere a disposizione uno strumento terapeutico in continuo miglioramento, che permetterà di trattare sempre più malattie. Per questo è importante che le famiglie siano correttamente informate.

Per ulteriori informazioni: www.sorgente.com

Note:

  1. Decreto Ministeriale 18 novembre 2009 “Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo-dedicato”.
  2. Report Centro Nazionale Sangue (CNS) 2016



Загрузка...
Avatar
Informazioni su Samantha Lombardi 61 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.