Tumori e dieta, quali sono gli alimenti da consumare?




In Occidente il 30% dei tumori è connesso alla dieta1. L’alimentazione si pone al secondo posto dopo il non fumare tra i fattori di prevenzione contro il cancro. Gli alimenti da assumere vanno selezionati con cura poiché influiscono sulla nostra salute. Dieta equilibrata, stile di vita sano, sport, sono fattori utili nella prevenzione tumore al seno e in altri tipi di tumori (ovarico, al colon retto)1.

Il Fondo mondiale per la ricerca sul cancro, nel 2007, ha prodotto un lavoro sul rapporto fra dieta e insorgenza dei tumori. Quest’opera nata dalla collaborazione di oltre 150 esperti nel campo a livello mondiale2, rileva che per prevenire l’insorgenza di tumori, è determinante mantenere una buona forma fisica, praticare sport e alimentarsi correttamente prediligendo cibi vegetali e poco calorici, evitando carni rosse o lavorate industrialmente, limitare alcol e bibite zuccherate e allattare al seno per almeno 6 mesi2.

I benefici del cibo nella cura del tumore

Nel corso degli anni è nata anche una nuova branca della ricerca scientifica: l’epidemiologia nutrizionale3.




Assumere molte calorie agevola sovrappeso e obesità, che favoriscono malattie come i tumori. Alcuni cibi calorici (es. frutta secca), sono in realtà benefici grazie al loro contenuto di fibre, grassi salutari e micronutrienti. È bene dunque evitare di assumere troppo zucchero, sale, o cibi poveri di acqua e fibre4,5.

Cibi alleati della salute sono quelli ricchi di vitamine, sali minerali, acqua e fibre, cereali, frutta, verdure, legumi e semi oleosi, ma anche spezie ed erbe aromatiche. I cibi consigliati per la prevenzione dei tumori sono per lo più vegetali, e concorrono a prevenire l’obesità4,5.

Alimenti salutari:

  • frutta e verdura blu-viola: melanzane, mirtilli, more;
  • frutta e verdura giallo-arancio: carote, pesche, limoni;
  • frutta e verdura rossa: pomodori, lamponi, fragole;
  • frutta e verdura bianca: cavolfiore, cipolla, porri;
  • frutta e verdura verde: broccoli, asparagi, kiwi;
  • legumi: piselli, ceci, lenticchie, soia;
  • cereali integrali: grano, quinoa, farro4,5.

Non ci sono collegamenti tra lo sviluppo di tumori e il consumo di pesce, latte, uova, carne. Tuttavia
è bene limitare cibi come carni rosse o lavorate e insaccati4,5.

Oltre a condurre uno stile di vita equilibrato e mangiare sano, occorre anche sottoporsi a esami
genetici, come il Test Sorgente BRCA, determinanti nella prevenzione del cancro alla mammella o
all’ovaio. Il 10% dei casi di tumore mammario e il 15% di quelli alle ovaie, sono connessi alle alterazioni ai geni BRCA6. Con il Test Sorgente BRCA è possibile rilevare tramite un semplice prelievo di sangue, l’eventuale presenza di mutazioni sui geni BRCA1 e BRCA2 e intraprendere il prima possibile un piano di prevenzione personalizzato.

Per maggiori informazioni: www.brcasorgente.it

Fonti:

  1. Diet, nutrition and the prevention of cancer Timothy J. Key, Arthur Schatzkin, Walter C.Willett, Naomi E. Allen, Elizabeth A. Spencer and Ruth C. Travis
  2. www.airc.it
  3. www.fondazioneveronesi.it
  4. Linee guida nutrizione – www.ieo.it
  5. World Cancer Research Fund International – www.wcrf.org
  6. Pal T, Permuth-Wey J, Betts JA, et al. BRCA1 and BRCA2 mutations account for a large proportion of ovarian carcinoma cases. Cancer 2005; 104(12):2807–16

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.