Prevenzione e benessere di mamma e bimbo in gravidanza: ecco cosa fare!

Prevenzione e benessere di mamma e bimbo in gravidanza: cosa fare!




Le future mamme si preoccupano della propria salute e soprattutto di quella del nascituro. È quindi importante sottoporsi regolarmente a visite mediche sia per la prevenzione che per assicurare il benessere di entrambi. Importante rilievo hanno anche i test prenatali e la scelta di conservare cellule staminali.

Molte future mamme, durante il periodo gravidico, tentennano sull’assunzione di medicine, ritenendole pericolose per il bambino. Promuovere una corretta informazione è l’obiettivo dell’Agenzia Italiana del Farmaco, che ha progettato un portale web interamente dedicato ai farmaci.

Non tutte le medicine sono pericolose per il bambino e se è stato il proprio medico curante a prescriverle, allora possono essere assunte. Se la gestante è una paziente cronica e segue una terapia già da prima dell’insorgenza della gravidanza, è bene che valuti assieme al proprio medico come precedere, senza interrompere bruscamente l’assunzione dei farmaci. La terapia non va sospesa, ma andranno rivalutati i dosaggi o considerate medicine alternative.

Prevenzione e benessere, attenzione ai farmaci

Dopo il parto occorre prestare molta attenzione ai farmaci da dare ai bimbi. L’Aifa nelle sue campagne di
comunicazione1, evidenzia come i genitori ritengano erroneamente che ai bimbi possano essere somministrat
e le stesse medicine degli adulti, ma in dosaggi minori. Affinché la terapia sia efficace, la somministrazione
di medicinali ai bambini va prescritta dal medico.




Sebbene spesso si segua una profilassi e si faccia un uso consapevole di medicine, si possono presentare dei
disturbi che non è possibile trattare con i farmaci comuni, ma adottando alternative terapeutiche. Ad esempio:
il trapianto di cellule staminali del cordone ombelicale è stato riconosciuto dal Ministero della Salute come un
valido trattamento per più di 80 patologie (decreto ministeriale del 18 novembre 2009)2.

Per tutelare il proprio benessere è fondamentale essere consapevoli che qualunque medicina o trattamento,
deve essere prescritta dal medico o da uno specialista, che sono le sole figure capaci di stabilire i trattamenti
idonei, dai farmaci alle terapie alternative come quelle che prevedono l’impiego delle staminali del cordone
ombelicale.

Per maggiori informazioni: www.sorgente.com

  1. Campagna di comunicazione AIFA “Farmaci e pediatria” (anno 2014)
  2. Decreto ministeriale 18 novembre 2009 “Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali
    da sangue del cordone ombelicale per uso autologo-dedicato”.

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.