Acido folico in gravidanza: perché serve alla mamma?

Acido folico in gravidanza: perché serve alla mamma?




In gravidanza la salute di gestante e nascituro sono prioritarie, ecco perché è importante alimentarsi correttamente1, sottoporsi a visite mediche regolari e anche a esami di screening prenatale come il test del DNA fetale. Assumere acido folico nel corso della gravidanza è fondamentale. Con i folati, esso costituisce le vitamine B9 o gruppo B1. Queste partecipano alla sintesi del DNA, dell’RNA e delle proteine2. L’acido folico, dal latino folium (foglia), fu chiamato così da Mitchell per indicare sostanze presenti negli spinaci, utili per contrastare carenze di ferro2.

In gravidanza è necessario integrare l’acido folico, iniziando anche prima del concepimento. Un’insufficienza di acido folico può causare, nel nascituro, la spina bifida1, danni al tubo neurale, difetti congeniti, deformazioni agli arti, labbra e palato deformi2.

Il Network Italiano Promozione Acido Folico raccomanda alle gestanti una dose di 0,4mg di acido folico al giorno, e di 0,5 alle gestanti con fattori di rischio.

I folati sono fotosensibili, quindi si consiglia l’assunzione di frutta e verdure crude o poco cotte.




Dove si trova in natura l’acido folico?

È nei vegetali a foglia verde, fragole, carciofi, rape, legumi, lievito di birra1.

Le condizioni di salute di mamma e bimbo dipendono da una dieta sana e corretta3. Una donna in dolce
attesa ha un fabbisogno calorico più elevato: circa 200-300 calorie e 9 grammi di proteine in più al
giorno, oltre a un apporto maggiore di vitamine, sali minerali e altre sostante nutritive importanti.

Secondo EUROCAT (European surveillance of congenital anomalies “Sistema di sorveglianza europeo delle
anomalie genetiche”), 20 sono i tipi di malformazione che si sviluppano ogni 1.000 nascite. L’incidenza
può diminuire includendo nell’alimentazione tanta frutta e verdura. Ad ogni modo la dieta non basta,
perciò è necessario ricorrere a integratori di acido folico2.

Assumere acido folico sotto forma di integratori alimentari durante il periodo gravidico, consente di ridrre del 70% il rischio di difetti del tubo neurale nel bimbo2, e durante l’allattamento compensa le perdite causate dalla produzione di latte materno4.

Si consiglia alle donne che hanno in progetto una gravidanza di assumere acido folico a partire da un mese prima del concepimento, e di continuare per almeno il trimestre successivo5.

Per maggiori informazioni: www.testprenataleaurora.it

Fonti:

1 – Mamma e bambino: dal concepimento all’adolescenza – Fondazione Umberto Veronesi – pag.19

2 – Ministero della Salute – www.salute.gov.it

3 – www.fondazioneveronesi.it

4 – Rapporto ISTISAN n.13/28 – Prevenzione primaria delle malformazioni congenite: attività del Network Italiano Promozione Acido Folico

5 – Raccomandazione per la riduzione del rischio di difetti congeniti del Network Italiano Promozione Acido Folico

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.