Fattore Rh negativo: quali sono i rischi in gravidanza?

Fattore Rh negativo: quali sono i rischi in gravidanza?




La cosa più importante per una donna in dolce attesa è prendersi cura della propria salute e di quella del bambino che porta in grembo. Esistono diversi esami di screening prenatale, tra cui il test DNA fetale, che possono aiutare a rilevare la presenza di patologie potenzialmente pericolose per il nascituro e che possono essere effettuati in diverse epoche gestazionali.

Un elemento di pericolo può essere l’incompatibilità del fattore Rh fra il sangue della mamma e quello del bambino. Come si determina il fattore RH? Individuando la presenza dell’antigene D che stabilisce se il fattore Rh è positivo o negativo. Questo può comportare rischi nel caso che il fattore RH della madre sia negativo e quello del feto positivo.

Se il sangue della mamma entra in contatto con quello del feto, il suo sistema immunitario può sviluppare degli anticorpi che attaccano i globuli rossi del bambino, riconoscendo la presenza dell’antigene D. Alcuni test di diagnosi prenatale invasivi (amniocentesi o villocentesi), ma anche emorragia, aborto, gravidanza ectopica o traumi addominali possono determinare il contatto tra il sangue della donna e quello del feto. La gravità della reazione dipende dal sistema immunitario della mamma e le conseguenze portano allo sviluppo di una malattia emolitico-fetale che può causare la morte del feto o del neonato¹˒².

La ricerca scientifica ha sviluppato un sistema di immunoprofilassi anti-D, al quale la mamma può sottoporsi sia prima che dopo il parto, per arginare i rischi causati dall’incompatibilità tra il suo sangue e quello del feto. Questo sistema consiste nella somministrazione, tramite iniezione, di immunoglobuline umane anti-D, che prevengono la formazione nel corpo della mamma di anticorpi che possono attaccare i globuli rossi del feto.




Controlli medici prima della gravidanza, compresi esami del sangue che stabiliscono il fattore RH di entrambi i genitori ed esami di diagnosi prenatale durante la gravidanza, sono fondamentali per stabilire il rischio di incompatibilità tra il feto e la madre e per intervenire per tempo con un’immunoprofilassi. Il test di Coombs indiretto stabilisce se sono presenti nel sangue della gestante anticorpi che agiscono contro RH positivo. Questo test, che si effettua entro la 16a settimana di gestazione, nei casi di donne con fattore RH negativo e partner con fattore RH positivo, andrebbe ripetuto ogni mese. Gli specialisti potrebbero consigliare di eseguire l’immunoprofilassi anti-D alla 28ᵃ settimana di gravidanza a queste pazienti, qualora sia necessario effettuare esami di diagnosi prenatale invasiva o se al momento del parto viene accertato che il bambino è Rh positivo. Una stima afferma che nel 10% delle gravidanze si presenta un’incompatibilità tra la mamma e il feto³.

Consultando il proprio ginecologo è possibile pianificare il percorso di screening prenatale adeguato e personalizzato.

Per scoprire di più sui test prenatali non invasivi sull’analisi del DNA fetale visita www.testprenataleaurora.it

Fonti:

  1. Medicina dell’età prenatale: Prevenzione, diagnosi e terapia dei difetti congeniti e delle principali patologie gravidiche Di Antonio L. Borrelli,Domenico Arduini,Antonio Cardone,Valerio Ventrut
  2. La compatibilità di gruppo materno-fetale – di L. Brondelli, G. Simonazzi, N. Rizzo
  3. Gravidanza fisiologica, linea guida 20 – a cura del Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità, CeVEAS

A cura di: Ufficio stampa Sorgente Genetica



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.