Raffreddore e influenza in primavera? Combattiamoli con il paracetamolo

Raffreddore




Combattere lo stato influenzale in maniera efficace.
L’influenza, si sa, non conosce stagioni, ed anche in primavera, quando le temperature salgono e le giornate sono più belle, può colpire e lasciare per qualche giorno milioni di persone a letto con l’influenza. Tosse, raffreddore, dolori alle ossa sono tra i sintomi più conosciuti, un campanello d’allarme che ci avverte che la febbre sta salendo. La prima cosa da fare senza alcuna esitazione è quella di chiamare il proprio medico curante che ci indirizzerà all’acquisito di farmaci per contenere e contrastare l’influenza stessa per tornare in piena forma nel minor tempo possibile.

Paracetamolo, rapida azione decongestionante sulle prime vie aeree superiori.
L’efficacia di queste cure per guarirci da raffreddore e influenza è data dai farmaci a base di paracetamolo che contengono principi attivi per attività antipiretica ed analgesica e non antinfiammatoria come diversamente in molti pensano. Il fatto che esso può essere somministrato anche ai neonati può ben spiegare la sua efficacia e sicurezza, come abbiamo accennato in precedenza può essere acquistato dietro ricetta medica certamente ma anche in maniera libera. Uno di più conosciuti è il tachifludec per via della sua azione decongestionante sulle prime vie aeree superiori.

Verificare in maniera attenta le controindicazioni: chi può e come deve assumerlo.
Il tachifludec va assunto con una cadenza di 4-6 ore per un massimo di 3 volte al giorno, sciogliendo la bustina in acqua calda . Appare superfluo sottolineare che, trattandosi di medicinali, non bisogna farne un uso sconsiderato per evitare di dover affrontare controindicazioni da sovradosaggio come nausea, vomito o dolori all’addome. Non tutti possono assumere poi tachifludec: ne è vivamente sconsigliato l’utilizzo a chi ha gravi insufficienze epatocellulari, ai bambini più piccoli di 12 anni, ai chi assume beta-bloccanti e a chi ha un’insufficienza epatica o renale. Massima attenzione quindi, è sempre consigliata la lettura del famoso ‘bugiardino’ all’interno della confezione.

Il paracetamolo utilizzato anche per combattere la febbre da Covid.
Certamente un uso attento e prescritto dal medico curante debbono adoperarlo le donne in gravidanza, questo tipo di paracetamolo non è controindicato durante la gestazione ma servirà massima cautela nella somministrazione durante i momenti della gravidanza appunto così come come quelli dell’allattamento. Viviamo in un periodo di pandemia e spesso abbiamo sentito parlare di paracetamolo anche per abbassare la febbre in presenza di Covid, dietro consulto col medico ovviamente. Non bisognerà temere allora l’arrivo della bella stagione e dell’influenza che porterà con sé: ci sono dei farmaci pronti a combattere lo stato febbrile o anche il raffreddore e tosse in maniera importante.




Tachifludec acquistabile in farmacia o anche in quelle online.
Gli ultimi due anni sono stati del tutto particolari e l’influenza è stata vista con maggiore timore da moltissime persone. Tuttavia la medicina conferma i grandissimi passi da gigante intrapresi ed i risultati importanti raggiunti, si veda l’efficacia del paracetamolo in generale e del tachifludec in particolare. Lo si può acquistare in qualsiasi farmacia e per chi avesse confidenza con la tecnologia e con la navigazione in internet anche nella farmacia online.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.