Domande e risposte sulla conservazione del cordone ombelicale

Domande e risposte sulla conservazione del cordone ombelicale




Nonostante sempre più persone conoscano l’importanza del cordone ombelicale, sono moltissime le domande a riguardo. Ad esempio, chi può prelevare le cellule staminali dal cordone? Cosa accade in caso di parto gemellare? La conservazione è possibile in caso di parto in casa? Queste sono le domande comuni che le future mamme si pongono. Ecco le risposte.

La conservazione privata del cordone ombelicale quali vantaggi ha? Quali sono invece i possibili problemi?

Il vantaggio principale è la possibilità di avere le cellule staminali immediatamente a disposizione in caso di bisogno. Inoltre, le cellule conservate saranno compatibili al 100% col bambino, essendo state prelevate dal suo cordone. Un possibile problema, invece, è l’insufficienza di cellule staminali.

Capita che il campione di sangue cordonale contenga troppe poche cellule per garantire il successo di un trapianto. Quindi il campione è inutile? Non proprio: la ricerca scientifica ha trovato un modo per espandere le cellule staminali in vitro, ovvero aumentarne il numero. In questo modo si ovvia al problema.

In Italia, la conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale presso strutture private è legale?

La legge italiana permette di conservare il sangue cordonale privatamente, ma a determinate condizioni. Come indicato nel Decreto Ministeriale 18 novembre 2009, la conservazione deve avvenire presso biobanche situate all’estero. Per questo motivo, è necessario ottenere un nulla osta per il trasferimento all’estero del campione di sangue cordonale.




Dopo la nascita del bambino, il prelievo va eseguito da figure abilitate? Se sì, quali sono?

Sì, il prelievo del sangue del cordone ombelicale viene eseguito solo da figure abilitate. In genere sono infermieri, ostetriche e medici ginecologi.

Posso conservare il cordone ombelicale anche in caso di parto in casa?

Non c’è nessun problema, ma bisogna accertarsi che l’ostetrica scelta abbia il kit di prelievo inviato dalla banca del cordone ombelicale. Bisogna inoltre consegnarle tutta la documentazione a riguardo, e il kit contenente le istruzioni per seguire il prelievo nel modo giusto.

Come funziona la conservazione del cordone ombelicale in caso di parto gemellare?

Se i gemelli sono omozigoti, basta un solo prelievo per entrambi. Quale sia il cordone ombelicale scelto, le cellule staminali saranno compatibili al 100% con tutti e due. In caso di gemelli eterozigoti, invece, bisogna procedere con due prelievi e due conservazioni distinte.

Nel caso un fratello abbia bisogno di un trapianto di cellule staminali, come si determina la compatibilità di quelle conservate?

L’istocompatibilità è la capacità di una cellula di essere riconosciuta dall’organismo come parte del tessuto. Si tratta di una caratteristica ereditaria: più si riduce il grado di parentela tra donatore e ricevente, meno sono le probabilità che il campione sia compatibile. Ciò significa che i genitori hanno fino al 50% di possibilità di essere compatibili, mentre i fratelli arrivano al massimo al 25%.

In caso di bisogno, i medici eseguono degli esami di tipizzazione HLA (Human Luekocyte Antigen), così da determinare la compatibilità tra staminali conservate e ricevente. Un primo esame può essere effettuato prima che le cellule siano crioconservate, usando un piccolo campione del sangue cordonale. Lo si può fare anche in un secondo momento, con un semplice prelievo di sangue. Se la prima tipizzazione conferma la compatibilità, si procede con l’analisi del DNA. La conferma definitiva arriva dalla MLC (Mixed Linfocyte Culture).

Per maggiori informazioni: www.sorgente.com



Avatar
Informazioni su Samantha Lombardi 61 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.