Contatto pelle a pelle più facile col parto in acqua

Contatto pelle a pelle più facile col parto in acqua




Contatto pelle a pelle più facile col parto in acqua.
E ora c’è la app WaterBirth Il contatto pelle a pelle tra il neonato e la mamma è un momento meraviglioso, uno scambio di amore che suggella una relazione speciale per tutta la vita.
Purtroppo, per vari motivi, questo approccio non avviene sempre e ovunque, ma ogni donna deve essere consapevole dei benefici del contatto così stretto col suo bambino e deve poter chiedere ad ostetriche e ginecologi di realizzare questo desiderio.
Il contatto pelle a pelle è uno dei punti che Unicef e Oms raccomandano ai cosiddetti “ospedali amici dei bambini”, ovvero quelle strutture sanitarie che mettono in atto tutte le migliori pratiche per favorire una nascita naturale e serena e per promuovere l’allattamento al seno.

Il contatto pelle a pelle dopo il parto

Secondo le due organizzazioni, alle mamme che hanno appena partorito va consegnato immediatamente il neonato, che viene adagiato sul suo petto per un contatto pelle a pelle. I due dovrebbero essere lasciati in questa posizione almeno per un’ora, senza interruzioni.
I benefici sono enormi.
L’empatia tra la donna e il piccolo è immediata, l’inizio della loro relazione non ha interferenze, il neonato supera più velocemente lo stress della nascita, può sentire subito l’odore della mamma e attaccarsi al seno, per cominciare ad essere allattato.

Con il parto in acqua questo contatto pelle a pelle è ancora più facile perché non appena il piccolo nasce può essere poggiato sul corpo della madre, senza neanche bisogno di essere pulito. Inoltre, l’acqua calda della vasca lo riscalda e la temperatura è la stessa del liquido amniotico in cui è stato immerso per circa 9 mesi.
L’ultima novità a proposito di parto in acqua è WaterBirth, una app che rende questa modalità di parto ancora più piacevole e sicura.




È stata realizzata da Pharma Mum Italia ed è già stata pubblicata sull’App Store.
Ecco come funziona WaterBirth. La donna che partorisce in acqua indossa uno smartwatch e, con un semplicissimo tocco sul dispositivo, può registrare l’inizio e la fine di ogni contrazione, indicandone anche l’intensità (alta, bassa o media).
Contemporaneamente, l’ostetrica o il ginecologo possono controllare su uno smartphone la frequenza, la durata e l’intensità delle contrazioni in tempo reale, senza che la donna sia costretta ad uscire dalla vasca.
Inoltre, sempre grazie allo smartwatch, il personale sanitario può monitorare attimo dopo attimo la frequenza cardiaca della donna in ogni momento del parto, in modo da intervenire subito se c’è qualcosa che non va.

Lo studio dell’Arnas Civico di Palermo

Uno studio condotto all’Arnas-Civico di Palermo ha dimostrato che le donne che partoriscono in acqua hanno una frequenza cardiaca più bassa di quelle che invece non lo fanno. La ricerca ha preso in esame 120 donne: di queste, 81 hanno fatto travaglio e/o parto in acqua, 39 invece no.
Grazie a WaterBirth è emerso che tutte le partorienti che erano nella vasca avevano una frequenza cardiaca più bassa rispetto a coloro che hanno partorito in modo tradizionale.
Questo avviene perché l’acqua calda favorisce il rilascio di endorfine, ormoni del benessere, che attenuano la percezione dolorosa delle contrazioni.

Così scende anche il numero dei battiti cardiaci.
WaterBirth dunque segna un punto di svolta per chi desidera partorire in acqua perché finora valutare l’intensità delle contrazioni di una donna immersa nella vasca non era possibile.
Con WaterBirth invece il personale medico e ostetrico può monitorare ogni fase del parto, verificando intensità e frequenza delle contrazioni e battito cardiaco. WaterBirth è tecnologia per il parto in acqua in ogni i


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Avatar
Informazioni su Samantha Lombardi 61 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.