Salute: ecco i vincitori del concorso “Quelle BRAve ragazze” sul tumore al seno




Grande successo per gli appuntamenti promossi dalla Beautiful After Breast Cancer Italia Onlus in occasione dellla V Giornata internazionale per la Consapevolezza sulla Ricostruzione Mammaria: il BRAday 2016 (Breast Reconstruction Awareness Day) ha visto infatti un susseguirsi di eventi e proposte di informazione a cui hanno aderito tanti ospedali italiani lungo tutto lo stivale, in particolare a Roma, Palermo, Bologna, Milano, Forlì, Modena, Verona e Trento.

Quella della ricostruzione chirurgica è una possibilità, nonché un diritto, che però solo un terzo delle pazienti prende in considerazione: “La ricostruzione mammaria – ha dichiarato la Prof.ssa Marzia Salgarello, presidente della Beautiful After Breast Cancer Italia Onlus – oggi è parte integrante della cura delle neoplasie mammarie. Nonostante ciò solo una percentuale minore delle donne sottoposte a mastectomia effettua la ricostruzione (circa il 30%). Per questo, obiettivo del BRAday e della Beautiful After Breast Cancer Onlus Italia è informare chi affronta la malattia che la ricostruzione rientra nei servizi di Sistema Sanitario Nazionale e può essere effettuata anche in sede operatoria durante l’asportazione del tumore. Questa è chirurgia ricostruttiva, non estetica, è un diritto per le pazienti e un nostro dovere farlo sapere, perché possano così ricostruire anche la loro vita”.

Una rinascita che può passare anche attraverso la scrittura, come forma di terapia, come dimostrato dal concorso letterario nazionale “Quelle BRAve ragazze” di cui nel corso del BRAday sono stati annunciati i dieci vincitori:

– “Ali di farfalla” di Francesco Affronti




– “Viaggio dentro me” di Valentina Borsella

– “La fine di un mito” di Veronica Corpolongo

– “Allitterazione fluida” di Armando Federici

– “Crudo” di Silvia Fenu

– “Le bambole non si ammalano mai” di Nina Lorenzo

– “Improvvisamente” di Roberta Mauri

– “Un dio crudele” di Maria Rosa Previti

– “Due cuori” di Samantha Terrasi

– “Attimi come pupazzi di neve all’equatore” di Gloria Venturini

Pervenuti da tutta Italia, i dieci racconti narrano di uomini, donne, medici e pazienti di varie età che, in prima persona o indirettamente, hanno attraversato nel profondo il dolore e la paura di un tumore al seno, e in qualche caso anche la rinascita.

Ideato dalla Prof.ssa Adriana Cordova, professore ordinario di chirurgia plastica dell’Università di Palermo e presidente eletto della SICPRE (Società italiana di Chirurgia Plastica ricostruttiva ed estetica), e promosso dalla Beautiful After Breast Cancer Italia Onlus, il concorso ha affidato la selezione dei brani ad una giuria di qualità, composta dalla giornalista Tiziana Lo Porto, dalla regista Costanza Quatriglio e dalla giornalista e pop artist Elvira Seminara. I dieci racconti vincitori saranno pubblicati nei prossimi mesi dalla casa editrice LEIMA nell’antologia “Quelle BRAve ragazze”.

BRADAY ROMA

L’annuncio dei vincitori è avvenuto durante un collegamento tra il BRAday di Roma e quello di Palermo. Nel corso dell’incontro romano, organizzato dalla Beautiful ABC Italia Onlus in collaborazione con la Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli nella hall del Policlinico, e presentato da Maria Concetta Mattei, l’attore Massimo Wertmüller ha dato vita ad un momento di grande commozione leggendo alcuni brani tratti dai testi selezionati, alla presenza di alcuni vincitori: Samantha Terrasi, Armando Federici e Veronica Corpolongo.

Durante l’evento è stato proiettato “Segni di Segni”, il cortometraggio firmato dalla regista Agnese Rizzello sull’impegno della Beautiful e sull’esperienza della malattia e, sono intervenuti all’incontro il Dott. Enrico Zampedri (Direttore Generale), il Prof. Riccardo Masetti (Direttore dell’Unità Operativa di Chirurgia Senologica) e la Prof.ssa Marzia Salgarello (Direttore dell’Unità Operativa di Chirurgia Plastica), e tanti ospiti, tra cui Rita Dalla Chiesa, la prof.ssa Lucetta Scaraffia giornalista e storica e la prof.ssa Chiara Palazzini, pedagogista e counsellor.

Il tutto si è concluso con un momento molto allegro e colorato, ma anche di grande commozione. La hall del Policlinico si è infatti trasformata in passerella per modelle molto speciali: venticinque pazienti hanno sfilato con gli abiti dello stilista Gianfranco Venturi, tra gli applausi di una sala gremita ed emozionata.

FONDAZIONE BEAUTIFUL AFTER BREAST CANCER ITALIA ONLUS

La Fondazione Beautiful After Breast Cancer, fondata nel 2011 dal celebre chirurgo plastico belga Phillip Blondeel e presieduta in Italia dal responsabile dell’Unità di chirurgia Plastica e Ricostruttiva del Policlinico Gemelli, Prof.ssa Marzia Salgarello, è un’organizzazione internazionale multidisciplinare il cui obiettivo è aiutare le pazienti che hanno avuto diagnosi di tumore al seno a ricostruire la propria esistenza.

La Onlus si dedica alla divulgazione di informazioni riguardo al tumore al seno ed alla ricostruzione mammaria, impegnandosi a trasmettere al personale medico, alle pazienti e ai media l’importanza di tale scelta e del benessere dopo una diagnosi di tumore.

www.beautifulabc.it



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.