Venezia, ospedale San Camillo, inaugurata l’innovativa postazione per la teleriabilitazione




Destinata ai pazienti affetti da malattie neurologiche la struttura realizzata con il sostegno di donatori privati insieme alla Fondazione Giancarlo Ligabue, al quale è stata dedicata, è un caso esemplare a livello internazionale, che consentirà un trattamento integrato a domicilio.

Plauso per la nuova struttura del San Camillo e per l’iniziativa dal Sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, e dal Presidente della Regione Luca Zaia

Novità importante per la cura e il sostegno dei pazienti affetti da malattie neurologiche e delle loro famiglie alla Fondazione Ospedale San Camillo IRCCS, al Lido di Venezia, dove è stata inaugurata oggi, 19 ottobre 2016, grazie al sostegno della Fondazione Giancarlo Ligabue e di singoli donatori sensibilizzati dalla medesima, una nuova postazione attrezzata per la teleriabilitazione: un servizio significativo e altamente qualificato, che rappresenta un unicum e un caso esemplare a livello nazionale e internazionale.

La Fondazione Ospedale San Camillo – tra le 50 strutture in Italia riconosciute dal Ministero come Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, ovvero Ospedali d’eccellenza, che svolgono attività sia assistenziale sia di ricerca – è specializzata nella neuroriabilitazione motoria, della comunicazione e del comportamento.
Tra le varie linee di ricerca attivate, una è specificamente dedicata alla teleriabilitazione e, in questo ambito, la lunga esperienza del San Camillo e la qualità delle indagini sono ben conosciute nella comunità scientifica internazionale, non a caso, presso tale Istituto hanno sede i centri coordinatori dello “Special Interest Group on Telerehabilitation della Word Federation on Neurological Rehabilitation (WFNR) e della Sezione Speciale di robotica, tecnologie avanzate e teleriabilitazione della Società Italiana di Riabilitazione Neurologica (SIRN).




L’Istituto è dotato di 115 posti letto, ove vengono ricoverati e trattati pazienti con esiti di ictus, di trauma cerebrale e midollare e di altre encefalopatie o portatori di patologie neurologiche croniche, come m. di Parkinson, Sclerosi Multipla, Sclerosi Laterale Amiotrofica; patologie che rappresentano un grave problema sociale e assistenziale e coinvolgono un gran numero di pazienti: basti pensare che le malattie neurologiche sono la principale causa di disabilità nel mondo occidentale, più di quelle oncologiche o cardiologiche.

La teleriabilitazione è una risposta importante: una “medicina a distanza” possibile grazie alle nuove tecnologie di comunicazione. Consente di raggiungere il paziente a casa propria, fornendo un trattamento integrato a domicilio, erogato da operatori specializzati che restano in ospedale:un trattamento riabilitativo completo della stessa qualità e intensità di quello offerto in Ospedale riducendo i tempi legati agli spostamenti, sia dei pazienti sia degli operatori, e si ottimizzando i tempi di trattamento.

Il sistema utilizzato all’IRCCS San Camillo – che da anni studia la teleriabilitazione, anche in collaborazione con centri di ricerca nazionali e internazionali come il MIT di Boston e ancora distanza, di tipo motorio, logopedico e cognitivo.

“Ringrazio di cuore la Fondazione Giancarlo Ligabue per la nuova postazione attrezzata che abbiamo voluto intitolare a Giancarlo Ligabue”, ha affermato Francesco Pietrobon, Direttore Generale della Fondazione Ospedale San Camillo IRCCS. “Spero diventi un’occasione per far conoscere meglio la teleriabilitazione, un’eccellenza veneta nel panorama riabilitativo italiano”.

“L’eccellenza va ricercata anche nelle modalità e nelle tecniche con cui si affronta la gestione delle malattie e nei servizi con cui si aiutano le famiglie e i malati e convivere con questi problemi, con dignità e sicurezza – ha commentato Inti Ligabue, Presidente della Fondazione Giancarlo Ligabue – questa struttura è un momento importante di un percorso di ricerca sulla teleriabilitazione, che pone la nostra città, non facile da vivere e da gestire, ai vertici in questo campo”.

“Ci sono delle cose che si fanno con il cuore e altre con la testa. Questo intervento – ha concluso Ligabue – nasce da entrambe queste spinte: il ricordo di papà e del suo percorso personale nella malattia e la convinzione che la sanità pubblica e la ricerca scientifica siano due pilastri fondamentali della nostra società, per il suo sviluppo e il suo futuro; un impegno che la Fondazione Giancarlo Ligabue ha ben chiaro e che intende portare avanti”.

Plauso per la nuova struttura del San Camillo e l’iniziativa di grande valenza sociale è giunto dal Sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, attraverso l’Assessore alla Coesione Sociale Simone Venturini presente all’inaugurazione, e dal Presidente della Regione Luca Zaia che, in una lettera inviata, ha anche ricordato che “la fisioterapia è uno dei cardini della fondamentale riabilitazione post acuzie, che ha assunto un rilievo del tutto particolare nella programmazione del Piano Socio Sanitario Regionale”.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.