Chirurgia estetica, l’intervista al dott. Dario Martusciello

Chirurgia estetica, l'intervista al dott. Dario Martusciello




La chirurgia estetica, anche definita chirurgia cosmetica, è una branca della chirurgia  finalizzata a migliorare l’aspetto fisico. Sono sempre di più le persone,  anche under 25, che si rivolgono agli specialisti, per “correggere” qualche piccolo difetto, spesso, nella convinzione di poter acquisire maggiore sicurezza nel rapporto con se stesso e con gli altri. Stime di fine anno 2018 ci collocano tra i Paesi in cui, la domanda, di chirurgia estetica, subisce aumenti esponenziali.

Oggi la redazione del Il Tabloid ha deciso di intervistare il Dottore Dario Martusciello, Medico Chirurgo e specialista in Chirurgia Maxillofacciale, insegnante e referente  di alcune tecniche di medicina estetica , fondatore di differenti brand ( come EPILE EASY; DAMA COSMETICS …) ed è tra i più rinominati chirurghi Italiani.

Dottore quali sono le motivazioni che conducono un paziente a modificare il proprio aspetto fisico?

Le motivazioni sono varie e molteplici :di base ritengo che ci sia un conflitto interiore tra la percezione che si ha di se stessi e lo specchio. Molte pazienti infatti si rivolgono alla mia attenzione perche insoddisfatte della propria fisicita, dell’immagine sociale che danno , o anche perche spinte purtroppo, da modelli estetici poco realistici che riscontrano spesso sui vari social. Una attenta valutazione della spinta emotiva che spinge una paziente a cambiare il proprio aspetto dovrebbe a mio avviso essere parte integrante di una visita specialistica.




Ci racconta quali sono gli interventi più richiesti e  quelli meno?

Le persone richiedono quello che vedono purtroppo, e si lasciano condizionare da  prototipi di estetica che possono variare anche in relazione alle mode , alle differenti culture , alle stagioni . Viviamo in un era dove  l’ essere è stato sottomesso dall’ apparire e quindi anche il bisogno stesso di migliorarsi  esteticamente spesso , ma fortunatamente non sempre, nasce dalla voglia di conformarsi ad immagini stereotipate .

Quale è la fascia d’età più soggetta a chiedere un intervento estetico?

Dipende. Sicuramente l’eta media si è abbassata , e sempre più ragazze addirittura adolescenti si rivolgono a me per interventi di chirurgia estetica improponibili e  inattuabili , a cui ovviamnete rispondo con un sorriso. Poi c e la fascia delle ragazze e raggazzi alla ribalta, i 20-30 enni che vogliono emergere facendo a gara  a colpi si selfie sui vari social per attirare attenzioni su di se.  ci sono i 45-55 enni da poco divorziati, che vogliono a tutti i costi recuperare il tempo perso , “comprando “ una nuova gioventù. Infine ci sono le 65-75 enni che vogliono semplicemente avere una “ rinfrescata” senza eccessi , senza strafare , lo fanno semeplicemente per stare bene con se stesse nella consapevolezza che piu di qualche complimento nelle sale di liscio , non possono avere.ma ovviamente a parte l’ironia ci sono un grosso quantitativo di persone che ricorrono a questi trattamenti semplicementi perche hanno desiderio di migliorarsi e perche no piacere agli altri, senza essere dipendenti dal giudizion altri : le mie pazienti!

Ci sono casi in cui Lei sconsiglia l’intervento?

Spesso mi trovo a dire di no. Se mi rendo conto che di base c  è una insoddisfazione generale latente, se mi rendo conto che la condizione psicologica della paziente è instabile o se le richieste non rispettano veramente i canoni estetici classici , le proporzioni del corpo o se le aspettative sono irreali , dico categoricamente di no.e’ doveroso per un medico ancor prima che chirurgo estetico , prendersi cura del benessere  fisico ed estetico  di una paziente ma anche e soprattutto di quello me

Gli interventi sono tutti a rischio zero?

Ci possono essere complicanze?. Ogni intervento di chirurgia estetica porta con se un bagaglio di possibili complicanze e rischi sia intraoperatori che a distanza di tempo dall’intervento . E’ doveroso per un medico assicurarsi che tutti i device utilizzati , i mezzi gli strumenti, siano conformi alle esigenze della paziente e prevenire tutte le possibili complicanze giocando si anticipo. Ormai le persone hanno dimenticato il termine chirurgia e ricordano solo estetica, e pensano di andare dall estetista a farsi le unghia , con tutto il rispetto per le estetiste ovviamente.

A seguito di un intervento chirurgico, ci possono essere impatti di tipo psicologico?

Si. Soprattutto nella chirurgia facciale. Per questo mi piace ascoltare le pazienti cercando di capire cosa si aspettano realmente dalla  mia prestazione e cosa vorrebbero migliorare di se stesse, cercando di individuare i possibili segnali di istabilita psicologica. Mi piace molto informare le pazienti su tutti i rischi “ spaventandole “ un po, selezionando le pazienti che sono effettivamente motivate ad affrontare un percorso di miglioramento estetico e anche e soprattutto psicologico .

Le tecnologie italiane sono, ad oggi, al passo con quelle dei paesi in cui la chirurgia è ampliamente richiesta dalla popolazione? Ci sono margini di miglioramento?

Ci siamo ormai avventurati nell era robotica, dove le macchine sostuiranno o per meglio dire integreranno in maniera solida e concreta , la prestazione chirurgica. Spesso pero c’e anche molto marketing , che spinge sia il paziente che il medico a trovare l apparecchiatura dal design e dalle prestazioni sempre piu sviluppate. Anche in questo campo purtroppo c e’ un consumismo e una voglia di novita, come se quello che fosse stato fatto prima non fosse sufficiente , un bisogno che arricchisce i portafogli gia ben pieni delle multinazionali che producono questi device. I miglioramenti ci sono , ci saranno sempre .

Che consigli può dare alle persone che sono indecise ad intervenite sul proprio aspetto fisico?

Consiglio di aspettare, di riflettere , di parlare con me, cercando di capire il perché sono indecise, il perché vogliono farlo , se effettivamente lo fanno per loro o per gli altri. Nella seconda opzione piu che un  in un ambiente sano, allegro e felice come il mio di studio, il medico si trovera a compilare moduli di denunce legali a subire stress e affrontare inutili attriti  minano sicuramente alla salute sia del medico che del paziente.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.