Che cos’è una banca del cordone ombelicale? Come è fatta?

Che cos'è una banca del cordone ombelicale? Come è fatta?




Le cellule staminali contenute nel sangue del cordone ombelicale, sono dotate di un enorme potenziale. A conferma di ciò, ci sono numerosi studi che le vedono impiegate nel trattamento di diverse malattie. L’utilità di queste cellule in campo terapeutico è riconosciuta anche da un decreto del Ministero della Salute italiano (18 novembre 2008)1 che elenca più di 80 malattie che possono essere trattate con le staminali del cordone ombelicale.

Il sangue del cordone ombelicale, dopo essere stato prelevato, viene conservato nelle biobanche, note anche come banche del cordone. Vediamo nello specifico cosa sono.

Una biobanca è una struttura adibita a conservare i campioni di cellule staminali contenute nel sangue cordonale ombelicale prelevato dal neonato al momento del parto. Questi campioni possono essere conservati per anni, mediante la crioconservazione, e adoperati in qualunque momento, in caso di necessità.

Le biobanche devono seguire regole ferree per garantire standard di qualità per la conservazione dei campioni, e rispettare scrupolose procedure per far in modo che tali campioni possano essere adatti per il trapianto.




Il campione di staminali cordonali raccolto, dopo essere giunto presso la biobanca, subisce una serie di passaggi necessari a garantire la sua corretta conservazione. Prima di tutto il laboratorio di ricezione lo accoglie e il personale addetto provvede a registrare nel database della biobanca la sacca in cui è contenuto, utilizzando il codice a barre e riportando:

  • il nome del donatore;
  • la data di arrivo;
  • il volume del campione.

In seguito, il campione passa al laboratorio di ematologia, dove viene analizzato per la verifica della qualità del sangue. Vengono effettuati esami preliminari che hanno lo scopo di individuare eventuali malattie infettive (come epatite B o C), il gruppo sanguigno del neonato e il conteggio, mediante ausilio del microscopio, delle cellule con nucleo, staminali incluse. Il sangue cordonale subisce un ulteriore passaggio dentro una stanza sterile e viene sottoposto ad altri esami di qualità.

Una volta terminato il processo di analisi, il sangue cordonale viene all’inserito in una sacca adibita alla crioconservazione.  All’interno, è presente una sostanza crioprotettiva, necessaria a proteggere le cellule dal congelamento.  La crioconservazione si ottiene utilizzando azoto gassoso all’interno di appositi biocontainers fino al raggiungimento di una temperatura di -196° C.

Evidenze scientifiche hanno dimostrato che il tempo di conservazione di un campione di staminali di sangue cordonale ombelicale, può superare i 24 anni, senza che le capacità di proliferazione e differenziazione delle staminali si alterino2.

Per maggiori informazioni sulla conservazione del cordone ombelicale: www.sorgente.com

Fonti:

  1. Decreto ministeriale 18 novembre 2009
  2. Broxmeyer, H.E. et al. Hematopoietic stem/progenitor cells, generation of induced pluripotent stem cells, and isolation of endothelial progenitors from 21- to 23.5-year cryopreserved cord blood. Blood. 117:4773- 4777.

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.